Brando Benifei: “Abbiamo bisogno dello stesso coraggio e determinazione di Altiero Spinelli”

Brando Benifei: “Abbiamo bisogno dello stesso coraggio e determinazione di Altiero Spinelli”

Brando Benifei è un giovanissimo del Partito Democratico ormai alla seconda legislatura nel Parlamento europeo, è stato eletto capodelegazione del PD al Parlamento europeo dal 22 luglio 2019. È anche il parlamentare più giovane della delegazione italiana del gruppo Socialisti e Democratici.

Brando dalle ultime attività social notiamo che lei è davvero attivo politicamente: era presente a Torino al congresso dei Giovani Democratici Piemonte, a Narni per la campagna elettorale per le regionali in Umbria ed è appena rientrato da Taiwan per una visita istituzionale. Com’è andata a Taiwan e di che cosa si è occupato?

«Noi come parlamentari europei abbiamo a disposizione alcune settimane “verdi”, cioè senza attività parlamentare, da poter dedicare ad attività sul territorio o internazionali o anche per riposarci. Nel mio caso nell’unica prevista quest’anno ho scelto di partecipare alla visita organizzata dalla nostra delegazione UE a Taiwan. Una delegazione informale perché Taiwan non è uno stato riconosciuto dall’UE e i Paesi membri perché, come noto, è uno stato che ha un contenzioso sulla sua stessa esistenza con la Repubblica Popolare Cinese. 

Attraverso il Parlamento europeo possiamo visitare questo paese per conoscere le organizzazioni politiche parlamentari, il parlamento e il suo governo e la società civile. Lo scopo è quello di favorire una comprensione reciproca e uno scambio di informazioni. Uno dei temi discussi è stato quello dei futuri accordi commerciali con la Cina continentale, sull’avanzamento eventuale di questi in cooperazione con l’UE e anche con Taiwan. 

C’è ovviamente un dibattito in corso riguardo ad alcune tensioni per la natura politica di Taiwan: non riconosciuto come stato indipendente ma con una situazione di fatto; analoga al Kosovo non riconosciuto dalla Spagna mentre per altri Paesi europei si. La realtà taiwanese osserva attentamente le recenti pressioni politiche su Hong Kong, come vediamo dalle proteste, che gode di una speciale autonomia all’interno della Repubblica Popolare Cinese. Non sappiamo se a Taiwan manterranno sempre lo status quo oppure se c’è da aspettarsi un’involuzione aggressiva militare cinese o un tentativo di isolamento. 

Quindi un paese interessante che fino agli anni 80 viveva sotto l’autorità militare e che dopo la fine della guerra fredda è progredito verso un sistema democratico pluripartitico con magistratura autonoma e una stampa libera. È l’unico paese asiatico che riconosce i matrimoni omosessuali, dove c’è libertà di organizzazione sindacale e quindi anche un mondo di organizzazioni giovanili attive attente alle attività di partecipazione democratica e di formazione politica.

Il modello democratico taiwanese è circondato da paesi con forme di governo autoritarie o in cui la democrazia si sta deteriorando; penso alle Filippine di Duterte che governa con metodi sanguinari, violenti e autoritari. Taiwan ha un’industria tecnologica e dell’innovazione forte ed è quindi molto interessante la cooperazione scientifica, culturale e economica sviluppata con l’UE. Questo era uno degli obiettivi dell’incontro e che ci ha permesso di approfondire i rapporti. E io che sono appassionato al tema dello sviluppo della società civile ho preso contatti con alcune organizzazioni giovanili studentesche con cui abbiamo fatto diverse discussioni, anche per portarle in attività qui in Europa».

Siamo in un periodo davvero denso di aperte sfide internazionali. Partendo temporalmente da gennaio 2019 solo per indicarne qualcuna abbiamo: Maduro e Guaidò in Venezuela; Francia e Italia in Libia; tensioni commerciali USA; Turchia in Siria contro i curdi. Tutte questioni di cui lei stesso si è occupato, tra l’altro in alcuni casi rivolgendosi a un’aula semi deserta. Viene spontaneo chiedersi se è l’Europa di fronte a queste questioni si riconferma un gigante economico e nano politico o se in realtà i suoi sforzi sono poco visibili?

«Intanto una postilla sull’aula: spesso è poco affollata perché il meccanismo dei lavori, che è discutibile e riformabile, attualmente prevede moltissime riunioni di commissioni, gruppi di lavoro, di negoziati sui file delle leggi e incontri che si svolgono in parallelo della plenaria. Tranne che per alcune sedute particolarmente fondamentali in realtà i dibattiti in generale sono seguiti da coloro che seguono l’argomento e che vogliono intervenire e quindi capita spesso che in aula ci siano meno partecipanti. Non è una bellissima immagine ma ha un motivo. Stiamo discutendo sulla riorganizzazione del metodo delle attività per ridurre questa incidenza.

Sicuramente l’UE è un gigante economico e un abbastanza nano politico. La politica estera comune dell’Unione rientra in uno schema di unanimità fra gli Stati membri. Federica Mogherini ha potuto svolgere un ruolo importante, oggi purtroppo altamente fragilizzato dagli ultimi eventi ma che per molti anni è stato molto solido. Basti pensare al completamento e il mantenimento in piedi dell’accordo sul nucleare iraniano. In questo caso è stato fatto un comune lavoro di negoziazione diplomatico. Quello dell’alto rappresentante è stato un mandato denso. 

In generale l’Unione ci appare spesso molto frammentata, divisa tra interessi nazionali contrapposti e dove una sintesi comune è difficoltosa quando invece oggi si richiede unanimità di vedute per poter prendere delle posizioni comuni. Quello di rivedere il metodo decisionale dell’Unione sulla politica estera sarà un tema di discussione per i prossimi anni.

Sarà utile magari costruire alleanze variabili, delle strutture di integrazione rafforzata con alcuni paesi su alcuni temi che hanno un’attinenza con la politica estera. Può essere sul tema migratorio come su quello della difesa. Io credo che sia importante immaginare formazioni differenziate perché forse con tutti e 28/27 non si riesce a fare tutto. Si può immaginare una differenziazione che può essere un passaggio verso una politica estera comune decisa meno farraginosa meno lenta e difficoltosa di come è oggi.

Aggiungo che oggi attraverso alcuni strumenti di politica collaterale alla politica estera l’UE fa già una sua politica estera comune parallela. Ne è un esempio la politica commerciale che fa l’UE. La politica commerciale è pienamente comunitaria e in mano agli organismi dell’UE. Non c’è più oggi la possibilità per gli Stati membri singolarmente di fare accordi commerciali da soli, e questo spostamento sul piano comunitario della competenza a trattare la politica commerciale ha provocato alcune conseguenze.

Adesso il Parlamento europeo è un codecisore, cioè oltre ad avere una decisione a maggioranza sull’argomento commerciale e avere questa competenza trasferita a livello comunitario, il Parlamento europeo è un codecisore. 

Cosa porta a questo? Riporto la mia esperienza diretta nella scorsa legislatura: sono stato relatore dell’accordo commerciale con l’Uzbekistan sul cotone. Con paesi di media o piccola caratura internazionale come l’Uzbekistan, paese di media rilevanza, l’UE quando è unita fa sentire molto la sua forza commerciale e con questa può perseguire obiettivi politici. 

I governi europei volevano sorvolare un po’ sul tema del lavoro minorile per la raccolta del cotone, molto diffuso in Uzbekistan, su cui il Parlamento europeo ha imposto uno stop all’accordo fintanto che non ci fosse una soluzione. Dopo che il Parlamento europeo ha bloccato per 3 anni con questa motivazione l’accordo è stato fatto un lavoro con: noi del Parlamento europeo e la Commissione, con la supervisione dell’ONU e dell’Organizzazione internazionale del lavoro. 

Sono state fatte operazioni di monitoraggio, io stesso sono stato in Uzbekistan, dove abbiamo perseguito e ottenuto con risultato misurabili, la eradicazione con quasi cancellazione del lavoro minorile in quel paese. Questo è stato possibile attraverso il meccanismo di “carota e bastone”, realizzato con l’utilizzo della competenza esclusiva comunitaria sul fronte della politica commerciale.

Abbiamo quindi perseguito una politica di diritti di lavoro; dei diritti umani e diritti dell’infanzia attraverso competenze politiche commerciali, dove c’è una maggior forza dell’azione comune tra i Paesi membri rispetto alla politica estera su cui in generale prevalgono limiti procedurali e di interesse rispetto a paesi, più restii a una vera condivisione, che in parte è comprensibile.

In fondo la politica estera di paesi come la Finlandia e Cipro e Portogallo si può capire che sia diversa, quando si parla della Russia, della Turchia o sud-america. Ovviamente per le loro specifiche storie, ed è chiaro che questo ha un peso che non si può cancellare in maniera ingenua. Dicendo: “dovremmo avere una politica estera comune” si fa un lavoro di approssimazione che non tiene conto che, probabilmente, servono dei compromessi.

Ma non si può neppure lasciare le cose come stanno oggi, dove indubbiamente la politica estera comune vive una situazione di stallo quando capita di fare alcune scelte di grande politica. L’UE in Siria è stata la più tempestiva riguardo agli aiuti umanitari e ma sulla capacità di dare una risposta per ricostruire il paese e le sue istituzioni ha avuto un ruolo ancillare, rispetto a USA, Iran, Turchia e Russia, arrivando in ritardo».

Pensando alle ultime vicende politiche europee che coinvolgono i suoi cittadini, dai gilet gialli in Francia, la Brexit, i sentimenti indipendentisti di Scozia e Catalogna o la fiducia nell’uomo forte (Salvini, Orban). Il filo conduttore che lega questi fenomeni è il sovranismo. Fatta eccezione per alcune frange dei movimenti indipendentisti, tutti questi sono polarizzati in senso opposto all’Europa. Come pensa che debba muoversi l’europa per far fronte a questo fenomeno e come lo sta affrontando adesso?

«Io penso si debba fare una pulizia lessicale secondo me il sovranismo è un termine fuorviante. La sovranità nazionale oggi è indubbiamente erosa dai fenomeni di globalizzazione, la trasformazione del mondo intorno a noi e della crescita di grandi paesi continente. Una situazione che noi vediamo evolvere in questi anni in maniera rapida che ha portato verso lo sviluppo di una finanza difficile da regolare, una evasione fiscale transnazionale sempre più complessa da affrontare e a fenomeni come cambiamento climatico e le grandi migrazioni. 

Tutte queste cose hanno portato a un’effettiva erosione della sovranità nazionale e alla conseguente difficoltà per gli Stati nazione europei, piccoli medi rispetto al globo, di elaborare una risposta all’altezza della dimensione dei problemi.  

Con una UE con bilancio modesto e con un deficit di capacità decisionale sulla fiscalità e sulla politica estera ci ritroviamo a fenomeni di questo tipo. Abbiamo poi una risposta sbagliata dei “sovranisti” che non coltivano una vera ambizione per la costruzione di sovranità, che è una cosa positiva, ma si tratta di una vecchia risposta nazionalista. Illudendoci sul fatto che nel mondo, com’è oggi, questa risposta possa riuscire a dare una scossa per un recupero di sovranità.

Un’impostazione del tipo “noi ci chiudiamo, stiamo per i fatti nostri, stiamo chiusi per riuscire a recuperare così la capacità di intervento dove oggi siamo scoperti” è in realtà un’illusione e una romantica immaginazione di un mondo che non esiste e che si possa difendere dalle cose chiudendosi.

Serve invece costruire una vera sovranità democratica più forte, che oggi è fragile, perché l’UE fa fatica sui diversi fronti già citati ad avere uno sguardo di orizzonte di medio termine. Ne abbiamo bisogno perché questa è l’unica possibilità per dare una risposta vera ai problemi reali che ci sono nel gestire un mondo sempre più complesso e per fronteggiare le disuguaglianze che sono esplose negli ultimi 10 anni di crisi economica sociale democratica in Europa. 

L’UE e il suo progetto com’è oggi è arrivato a un esaurimento di funzione ma la risposta non può essere lo smantellamento dell’integrazione che adesso c’è, serve farla salire di livello, di forza e sviluppo attraverso un rafforzamento dell’integrazione comunitaria, ovviamente attraverso una maggiore democratizzazione dei processi. 

Io credo che questa sia una risposta sensata e che può dare concretezza alla ricerca di un’identità e risposte di senso che ci sono dietro la deriva nazionalista. Abbiamo bisogno di appassionare le persone a un progetto che dia un senso e una appartenenza.

Lo stato nazione come lo conosciamo, messo da solo rischia di apparire oggi come una cosa di cui non ci si riesca più a fidare. Come un’entità che si difende in maniera semplicistica e romantica ma senza poi sapere e capire come ridargli un senso vero per difendere le persone e dare loro protezione. 

Oggi bisogna dimostrare che stando insieme in maniera convinta con più forza si può dare una risposta a questi bisogni attraverso una costruzione comune. Una federazione. Io sono molto netto e penso che serva una federazione europea. Una federazione leggera, diversa da altri progetti federali conosciuti nella storia.

Abbiamo bisogno della costruzione di un’organizzazione dove sui grandi temi e questioni si apra davvero a un fronte comune per stare all’altezza delle sfide e dei contesti che oggi abbiamo nel mondo. Dobbiamo difendere questo modello unico europeo, unico, della congiunzione di democrazia e stato sociale. 

Non lo abbiamo da nessun’altra parte nel mondo e io credo che, nonostante i suoi acciacchi e limiti sul fronte democratico e stato sociale, valga comunque la pena che sia difeso nei suoi principi, che oggi sono minoritari ormai nel mondo. Siamo in una situazione in cui questo modello è sotto attacco da altri modelli politici, sociali, politici e economici diversi dal nostro e in aperta competizione come quello della Cina, USA, Russia. 

Oggi serve ritrovare una forza per difendere questo modello. Credo sia qualcosa di cui non dico andare fieri, che non vuol dire niente, ma di cui non dobbiamo dimenticarci che non è scontato nel resto del mondo».

L’ex segretario Matteo Renzi ha lasciato il partito democratico parlando di “Scissione Consensuale”. Questo nuovo soggetto ITALIA VIVA è un progetto aperto alle nuove generazioni, lei che idea si è fatto? Glielo chiedo perché sembra un partito che ambisce ad attrarre nuovi giovani e lei sembrerebbe un target potenziale.

«Io penso che Renzi abbia sbagliato anche perché ha consumato una reputazione positiva che aveva anche nel mondo progressista europeo. Era considerato un leader che, seppur con tante contraddizioni e limiti discutibili, aveva fatto battaglie in Europa per politiche umane, economiche, vicine alle ragioni della crescita sviluppo ed equità. 

Godeva di una buona reputazione anche nel mondo della sinistra europea, dove invece questa rottura è apparsa come la volontà di indebolire per ragioni di egoismo personale il governo che aveva mandato via Salvini e aveva aperto la speranza di un ruolo utile dell’Italia forte in Europa per riformare l’UE e dare una spinta verso una direzione giusta. 

Nessuno capisce bene cosa sia Italia Viva se non un veicolo oggi di una ambizione personale. Io mi auguro che continui a dare un contributo utile di riflessione tematica sui temi oggetto dell’azione di governo ma credo che nel complesso sia stata una impresa politica più dannosa che altro. Ma dannosa per lo stesso Matteo Renzi che è apparso come un politico alla ricerca di una ribalta per la perdita del ruolo di Primo Ministro e di segretario di un grande partito ricercando un proprio protagonismo.

Viene vista come una mossa poco seria da moltissimi osservatori, anche in europa, e vorrei sottolineare che l’effetto concreto della natura sul piano europeo è nullo. In Europa a nessuno interessa questa scissione. Perché ha prodotto che un collega ha deciso di aderire e rispetto la sua scelta, ma a parte questo la rottura nei palazzi romani non ha alcun rilievo né per l’UE né per il mondo politico europeo. Con questa mossa Renzi di fatto si è eclissato. Scompare dalla geografia perché ha creato un partitino le cui sorti sono considerate diciamo evanescenti e comunque di scarsa importanza per la politica europea.

Il collega è rimasto nei S&D?

«Si e sono contento se la nostra famiglia politica mantiene la sua consistenza in Parlamento, anche se va detto che ad oggi Italia Viva ancora non sappiamo dove si collocherà».

Lei è un giovanissimo del Partito Democratico a cui ha aderito nel 2007. È stato coordinatore provinciale dei Giovani Democratici, in questa legislatura europea è stato il 1° dei candidati liguri; 1° fra gli uomini deputati uscenti nel nord-est e dal 22 luglio è capo delegazione del gruppo PD al Parlamento europeo.  Nel gennaio 2016 la rivista americana FORBES la indicava come uno dei trenta giovani politici più influenti in Europa. Inoltre, a marzo del 2018 è stato premiato come miglior eurodeputato dell’anno (MEP Awards) nella categoria “Lavoro e Affari Sociali”, grazie al suo impegno per l’occupazione giovanile.

Come nasce questa sua passione politica? E chi è la personalità che l’ha ispirata maggiormente, se c’è?

«La mia passione per l’Europa nasce da molti fattori, ma il momento più importante di sviluppo è quando a 19 anni ho visitato il Parlamento europeo con un’organizzazione politica di cui facevo parte, la Sinistra Giovanile. Al tempo il capo delegazione di sinistra che ho incontrato era Nicola Zingaretti, che oggi è il segretario del PD. Oggi quel capo delegazione sono io, ho l’onore di questa “eredità storica”, mentre prima di me c’erano Patrizia Toia e David Sassoli, l’attuale presidente del Parlamento europeo.

Io li quando feci quella visita rimasi colpito perché la sede principale del Parlamento europeo a Bruxelles era intitolata a un italiano. Altiero Spinelli. lo è ancora oggi. Mi sono appassionato e mi sono studiato la figura di Spinelli e tuttora mi ispira e mi affascina. 

Il Manifesto di Ventotene scritto da confinato antifascista a Ventotene è ancora un testo profetico perché parla di questioni migratorie, innovazione tecnologica, cambiamenti climatici, con capacità di previsione delle sfide che l’Europa avrebbe avuto dopo la seconda guerra mondiale che in quel momento era ancora una realtà purtroppo per chi scriveva a quei tempi. Avrebbe avuto queste sfide da affrontare soltanto se fosse stata unita». 

È stato anche membro del Parlamento europeo.

«Si lo è stato negli anni 80 è stato anche un parlamentare che ha saputo sfidare i governi europei nel dare seguito a una vera costruzione più integrata e dare un ruolo più forte al Parlamento europeo».

Nuove elezioni in Regno Unito. Quale futuro?

Nuove elezioni in Regno Unito. Quale futuro?

Due settimane prima di Natale, festeggiamenti invernali e presepi scolastici saranno sospesi per convertire le aule in seggi elettorali, per la terza volta in quattro anni.

Le prossime elezioni britanniche pre-natalizie saranno l’ennesimo colpo di scena di una Brexit che non pare trovare la sua strada. Quando il 23 giugno 2016 i cittadini del Regno Unito fecero prevalere l’exit sul remain nel referendum consultivo votarono a scatola chiusa senza conoscere i termini.

Quando poi sono cominciati i negoziati tra Regno Unito e Unione Europea c’è chi ha sollevato alcuni dubbi sulla fattibilità della Brexit e delle sue varie sfumature Deal e No-deal; hard e soft brexit.

La prossima tornata elettorale, la terza in meno di 4 anni, potrebbe cambiare le cose. Sarà incentrata molto di più sul futuro delle relazioni con l’Europa che sul resto dei temi. Attualmente i deputati della camera dei comuni non hanno un’idea condivisa su come lasciare l’Unione Europea, o se restare.

Cosa vogliono Johnson e Corbyn

Il premier conservatore Boris Johnson promette che con una sua maggioranza porterà, in un modo o nell’altro, il paese fuori dall’UE. Jeremy Corbyn, l’avversario laburista, propone un secondo referendum, con la possibilità di annullare tutto.

Già queste due proposte basterebbero a farci capire che i cittadini saranno difronte a una scelta importante. Anche se il tema principale sarà la Brexit, sono in gioco molti altri temi che potrebbero condizionare la scelta nelle urne. La sinistra di Corbyn promette di mettere lo stato al centro dell’economia, mentre i Tories di Johnson preferiscono una forma statale più liberista.

Questa Christmas challange tra sondaggi volatili, partiti in crescita e nuovi poli ideologici, sarà la meno prevedibile. Secondo il settimanale The Economist, un secondo referendum sarebbe il modo migliore per rompere l’impasse.

Nella camera dei comuni non piace a tutti l’accordo preso da Johnson con l’UE, così come non lo erano su quello negoziato dal suo predecessore, Theresa May, secondo alcuni più vantaggioso. La soluzione più chiara e trasparente sarebbe quella di chiedere nuovamente agli elettori, una volta comprese le condizioni sull’accordo per la Brexit, se vogliono continuare ad essere cittadini dell’UE.

Il Parlamento è stato incapace di organizzare un secondo referendum. E piuttosto che modificare la sua proposta, Johnson ha scelto le elezioni. Per ora, un referendum è fuori discussione.

Le proposte

Le proposte dei partiti sull’argomento Brexit sono formulate per soddisfare tutte le esigenze:
Brexit Party: no deal, uscita immediata senza accordo;
Tories: barebone deal o “Canada-minus” come preferisce Boris Johnson, accordo striminzito commerciale tradizionale che riduce le tariffe doganali. Non implica né pagamenti all’UE, né che il Regno Unito sia soggetto alla giurisdizione UE, né la necessità di accettare la libera circolazione;
Labour: nuovo referendum;
Liberal: annullare del tutto la Brexit.

Secondo gli analisti Corbyn, entrerebbe a Downing Street soltanto in coalizione con altre forze politiche, una strada in salita se prendiamo in considerazione il fatto che gli altri partiti non gradiscono molti punti del suo programma.

Anche i sondaggi rendono impossibile ogni previsione. Secondo i sondaggi i Tories sono 12 punti avanti rispetto ai Labour. Ma i sondaggi negli ultimi tempi sono altamente volatili. Solo pochi mesi fa i Tories erano al terzo posto. Theresa May ha iniziato la sua campagna nel 2017 con un vantaggio di 20 punti e in cinque settimane dopo ha perso la maggioranza.

I vecchi schieramenti di sinistra e destra resistono sulle argomentazioni economiche, ma hanno gradualmente lasciato sempre più spazio ad una nuova cultura politica. La Brexit ha accelerato il fenomeno ridisegnando il campo politico. I Tories si recheranno nei posti della classe operaia promettendo una Hard Brexit e conservatorismo sociale. I Labour, nel frattempo, saranno tra i ceti benestanti a predicare il Remain e il liberalismo sociale.

Le tattiche potrebbero non funzionare: Theresa May ha già tastato il polso agli operai del nord nel 2017, scoprendo che la classe operaia era ancora allergica ai Tories. Ma in generale i voti della classe media fanno gola a tutti i partiti, grandi e piccoli, solo che se le questioni economiche possono spesso essere risolte trovando un compromesso, le distanze ideologico-culturali no.

Ma esiste la possibilità che anche quest’ultimo esercizio democratico non riesca a produrre un risultato decisivo? Probabilmente si, perché l’ascesa dei partitini ha reso difficile per chiunque essere in maggioranza.

Le prossime elezioni avranno profonde conseguenze per la Gran Bretagna. Ma non dobbiamo sorprenderci se tra un anno il Paese starà ancora discutendo su come chiudere definitivamente il capitolo Brexit.

America First.. e l’Italia?

America First.. e l’Italia?

Da oggi, 18 ottobre, diventano pienamente operativi i nuovi dazi americani che colpiscono l’import europeo per un valore di 7,5 miliardi di dollari annui. Una manovra che si inserisce nella disputa Airbus-Boeing che, dal 2004, vede contrapposti USA ed UE a causa dell’illegittima corresponsione dei sussidi pubblici al colosso americano Boeing e all’europea Airbus. Contromisure che potrebbero condurre ad una nuova guerra commerciale tra le due sponde dell’Atlantico, incidendo anche sull’export italiano.   

La black list di prodotti-bersaglio del Dipartimento del Commercio statunitense (USTR) non si limita difatti a colpire i soli Stati Membri parte del consorzio europeo aeronautico Airbus (Francia, Germania, Regno Unito e Spagna), ma – tra gli altri – anche il Bel Paese.

Il Made in Italy agroalimentare è colpito con tariffe addizionali del 25% a fronte di un danno pari a mezzo miliardo di euro (stima Coldiretti).
Tuttavia, da Oltreoceano non escludono la possibile futura estensione della manovra ad altri prodotti men che meno l’aumento dei dazi. La Federalimentare ha stimato un possibile danno tra i 650 mln (per tariffe al 30%) e gli oltre 2 mld (in caso di dazi al 100%).

All’indomani della decisione dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC), il timore di una guerra commerciale si è tradotto in una ricaduta dei mercati, facendo registrare a Piazza Affari un Ftse Mib al ribasso del 2,87%.

Pur circoscrivendosi la manovra ad una categoria di prodotti piuttosto ristretta (lo 0,8% dell’export totale verso gli USA), ad essere maggiormente colpito è il settore lattiero caseario, con in testa: Parmigiano Reggiano, Grana Padano, provolone e pecorino. Colpiti anche superalcolici, bevande, insaccati, frutta e agrumi. Al momento, rimangono esclusi: conserve di pomodoro, olio d’oliva, pasta e vino.

Infografica export Italia

Se, in una prospettiva più ampia, guardiamo ai nostri competitor francesi e spagnoli direttamente colpiti da dazi addizionali su vino e olio d’oliva, l’export nostrano ne potrebbe uscire favorito. Nel 2018, l’export di questi prodotti ha registrato introiti, rispettivamente, per 1.500 mln e 436 mln di euro. Beh, nulla di personale, cari vicini.. ma sapete come si dice: mors tua, vita mea!

Quali prospettive?

L’export è la vocazione e il motore dell’Italia.

Beniamino Quinteri, Presidente SACE SIMEST

L’export si è dimostrato fattore trainante dell’economia italiana, a conferma dell’eccellenza dell’offerta del made in Italy. L’Italia deve prendere coscienza delle potenzialità del proprio sistema industriale e affrancarsi dai mercati tradizionali per collocarsi più incisivamente su quelli emergenti: dal continente asiatico (non solo la Cina) all’America Latina, passando per l’Africa subsahariana.

Nonostante le tensioni internazionali (sanzioni russe, rischio di una Hard Brexit, trade war USA-Cina e USA-UE), l’agrifood – insieme ai settori farmaceutico e della moda – ha avuto negli ultimi anni un peso non indifferente nell’export complessivo, per il quale si stima nel 2022 una crescita superiore ai 540 mld di euro.

Le imprese italiane dovrebbero diversificare la propria offerta, specie nel settore tecnologico. Il rafforzamento della competitività deve tuttavia passare attraverso programmi di innovazione e di potenziamento delle infrastrutture, nonché mirate politiche di sostegno, nazionali e sovranazionali, con un occhio di riguardo alle imprese del Mezzogiorno e alle PMI.
L’Unione Europea si sta già muovendo stipulando accordi commerciali di libero scambio (si pensi al CETA e all’EPA col Giappone).

O Canada, we stand on guard for thee!
L’export italiano verso il Canada è in crescita. Dopo la straordinaria performance del 2017 (+6,3% con un introito complessivo di 3,9 mld), l’anno 2018 ha registrato un +4,8% permettendo di superare i 4 mld di euro.

CETA, accordo Canada-UE
26 gennaio 2016. Lussemburgo, Camera dei Deputati: Pierre-Marc Johnson, negoziatore canadese per il CETA. Photo Credits: Chambre des Députés/Flickr (CC BY-ND 2.0).

Nuovi mercati da coltivare

Africa subsahariana

L’economia di questa parte del continente africano è in crescita. Lo sviluppo futuro dipenderà dal processo di industrializzazione e, non indifferentemente, dall’African Continental Free Trade Area, un accordo commerciale tra i Paesi dell’Unione Africana diretto all’abbattimento graduale delle barriere tariffarie e non.

Ponderando tutti i rischi connessi, pur con la consapevolezza che in certi casi la percezione del rischio è maggiore rispetto a quello reale, le imprese italiane dovrebbero puntare su tre settori chiave: infrastrutture e costruzioni, macchinari agricoli e per la trasformazione alimentare e digitale business to consumer.

Brasile

In ripresa dopo la recessione del 2015-2016, il Brasile è la prima economia dell’America Latina. Le migliori opportunità sono offerte dai settori delle infrastrutture, delle energie rinnovabili e dell’agribusiness.

Emirati Arabi Uniti

È l’ottavo Paese al mondo col più alto Pil pro capite medio annuo. Infrastrutture, turismo, energie rinnovabili e servizi finanziari sono i nuovi settori su cui gli Emirati Arabi Uniti stanno puntando per affrancarsi dalla dipendenza dal settore petrolifero.

India

Pur con importanti criticità (deficit fiscale, debito pubblico e basso reddito pro capite), l’India è tra i Paesi del G20 col più alto tasso di crescita. Un risultato favorito da un tessuto produttivo dinamico, da una classe media dotata di un notevole potere di acquisto e una politica governativa improntata alla facilitazione delle attività d’impresa.

L’Italia dovrebbe tuttavia ampliare la propria quota di mercato (che attualmente si attesta sull’1%) puntando specialmente su infrastrutture, farmaceutica e agroalimentare (con una percentuale dell’11%, il Bel Paese è il terzo fornitore di vino).

Barolo, vino rosso italiano tra i più amati e conosciuti al mondo.
Il Barolo è tra i vini rossi italiani più apprezzati e conosciuti al mondo. Credits Photo: Wikimedia Commons (CC BY-SA 3.0).

Export, l’agroalimentare spinge la crescita, ANSA, 30 maggio 2019.
Belladonna A. & Gili A., Arrivano i dazi americani: ecco gli effetti per l’Italia, ISPI, 03 ottobre 2019.
Cappellini M., A rischio 2 miliardi di export agroalimentare italiano, Il Sole 24 ore, 03 ottobre 2019.
Dazi Usa, colpito 1/2 miliardo di export alimentare, Coldiretti, 03 ottobre 2019.
I dazi affossano il record del Made in Italy in Usa (+8,3%), Coldiretti, 04 ottobre 2019.
Rapporto Export 2019 di Sace, Giansanti (Confagricoltura): “Agrifood traina l’esportazione made in Italy”, Confagricoltura, 31 maggio 2019.
D’Argenio A., 7,5 miliardi – Il Wto dice sì ai dazi Usa contro i prodotti europei per lo scontro Boeing-Airbus, La Repubblica, 03 ottobre 2019.
Di Donfrancesco G., Dalla Wto sì a dazi Usa su merci Ue per 7,5 miliardi, Il Sole 24 ore, 03 ottobre 2019.
AgrOsserva. La congiuntura agroalimentare. II trimestre 2019, ISMEA, settembre 2019.
Dazi, danni fino a 2 miliardi. Federalimentare: ”Con gli USA si trovi un compromesso o via ai controdazi”, Federalimentare, 02 ottobre 2019.
Lops V., Venti di recessione in Europa e Usa. Borse in picchiata, Il Sole 24 Ore, 03 ottobre 2019.
U.S. wins $7.5 billion award in Airbus subsidies case, Office of the United States Trade Representative, 02 ottobre 2019.
Ufficio Studi, Export Karma. Il futuro delle imprese italiane passa ancora per i mercati esteri, SACE SIMEST, 30 maggio 2019.

Brexit no-deal: quale impatto sull’economia del Regno Unito?

Brexit no-deal: quale impatto sull’economia del Regno Unito?

Ministro degli Esteri nel Governo di Theresa May, il nuovo Premier Boris Johnson – subentratole il 24 luglio scorso – sta infiammando la scena europea. Come in una partita a scacchi dal finale imprevedibile, ogni mossa risulta fondamentale per rimettere tutto in discussione. Proprio quando la prospettiva di un’uscita dall’Unione Europea senza lo straccio di un accordo sembrava concretizzarsi, BoJo è costretto a rivedere le proprie mosse. 

Il 28 agosto Johnson aveva chiesto (ed ottenuto) la sospensione dell’attività parlamentare (cd. prorogation) per cinque settimane (fino al 14 ottobre) in modo da evitare qualunque sgradita (per quanto legittima) interferenza. Il Parlamento era corso ai ripari approvando in tempi record una legge anti no-deal che impone al Governo di chiedere una proroga dei termini di recesso al 31 gennaio 2020

Pur non essendovi certezza che il Consiglio Europeo la conceda (del resto, ad oggi, manca sul tavolo europeo una proposta realistica di accordo alternativo), la recente decisione della Corte Suprema del Regno Unito riporta Johnson alla realtà e ai valori democratici. Con sentenza del 24 settembre, gli 11 giudici del collegio presieduto da Lady Hale hanno unanimemente dichiarato l’illiceità della sospensione in quanto l’unico effetto di tale azione – data l’eccezionalità delle circostanze – era stato quello di “vanificare o impedire il ruolo costituzionale del Parlamento (tdr)” in vista della scadenza del 31 ottobre

A prescindere da come finirà, è lecito chiedersi: quale tipo di scenario prospetterebbe una Brexit no-deal? Un finale che i più definiscono come lo scenario peggiore possibile a differenza di chi, invece, ne sminuisce la portata rispetto agli effetti (ritenuti) ben peggiori che avrebbe una no-Brexit.

Backstop irlandese: le opzioni che potrebbero porre fine al caos Brexit

La backstop solution, nodo della discordia

Ha da subito infervorato il dibattito tra l’UE e lo UK: è il backstop. Il 10 Downing Street ritiene imprescindibile rinegoziare l’accordo ed eliminare tale clausola: diversamente, l’unica alternativa sarebbe una Brexit no-deal. Bruxelles continua a sostenere che l’accordo del 2018 sia il migliore possibile e che l’integrità del mercato unico ed il backstop irlandese vadano preservati. Ma di cosa si tratta e perché è così importante?

È un meccanismo di sicurezza di ultima istanza volto a impedire l’istituzione di un confine rigido tra le due Irlande, in assenza di un miglior accordo di regolamentazione dei rapporti commerciali UE-UK. Qualora entro un periodo transitorio di due anni non dovesse raggiungersene uno valido, il backstop diverrebbe pienamente operativo e lo UK rimarrebbe nell’Unione doganale, l’area di libero scambio commerciale priva di dazi e frontiere rigide.

Un finale che nemmeno l’UE è interessata a perseguire, ma anche soluzione necessaria per preservare la pace nell’Irlanda del Nord consacrata con il Trattato del Venerdì Santo.

Brexit: gli scenari possibili

No-deal: meglio di un cattivo accordo?

Per ogni scenario, la conclusione è sempre la stessa: un’economia più povera. Tuttavia, un’hard Brexit avrebbe un impatto maggiore sul Pil in termini di decrescita economica pari a quasi l’8% per i prossimi 15 anni, con un impatto addizionale pari a 6.1 punti percentuale rispetto allo scenario EEA e di 2.9 punti percentuale rispetto allo scenario FTA. Una stima ottimistica che dà per scontate alcune soluzioni (fra cui la conclusione di accordi commerciali con Stati Uniti e UE) e non tiene conto degli impatti a breve termine, come il costo di adeguamento al nuovo regime doganale. Difatti, con la ricostituzione della frontiera, ne deriverebbero per le imprese maggiori costi oltre che notevoli ritardi: secondo le stime governative (operazione Yellowhammer), al porto di Dover si formerebbe una fila lunga ben 17 miglia con attese fino a due giorni e mezzo e disagi fino a tre mesi.

Il ritorno alle condizioni commerciali OMC avrà ripercussioni significative su produttori, fornitori di servizi e consumatori. L’attenuazione di tali effetti dipenderà dal successo dei negoziati con ogni membro OMC. La situazione si complicherebbe ulteriormente qualora i negoziati con l’UE si interrompessero, rivestendo quest’ultima un ruolo cruciale che va anche oltre l’aspetto meramente commerciale. 

Banca d’Inghilterra: rischio shock economico 

Le recenti stime della Bank of England lasciano presagire uno scenario poco raccomandabile: deprezzamento della sterlina, aumento dell’inflazione e rallentamento della crescita con un tasso di variazione del Pil dell’1,3% per il biennio 2019-2020 rispetto alle stime iniziali rispettivamente dell’1,5% e dell’1,6%. Crescita che, in caso di Brexit no-deal, potrebbe essere ancora più lenta

Un effetto domino che si ripercuoterebbe soprattutto sul settore trasporti, sull’industria chimica e su quella alimentare temendosi, tra l’altro, una grave interruzione nell’approvvigionamento di alimenti e medicinali come si legge nella contestata valutazione del rischio del Governo Johnson. 

Per approfondire:

Traduzione della telefonata tra Trump e il presidente ucraino Zelenskyj

Traduzione della telefonata tra Trump e il presidente ucraino Zelenskyj

La presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, la democratica Nancy Pelosi, ha avvierà la procedura di impeachment contro Trump. L’accusa è di aver abusato del proprio potere facendo una richiesta impropria al capo di Stato ucraino Volodymir Zelensky. A quest’ultimo, durante una telefonata a luglio, Trump ha chiesto di indagare su Joe Biden, ex vicepresidente degli Usa e probabile rivale alle elezioni del 2020. Dopo JevroMaidan, Biden aveva fatto pressioni su Kiev affinché venisse rimosso il procuratore generale che stava conducendo un’indagine su Burisma, l’azienda di gas nel cui consiglio d’amministrazione sedeva Hunter Biden, figlio di Joe. Mercoledì la Casa Bianca ha rilasciato una trascrizione della telefonata; si attende ora la copia della denuncia del funzionario che ha ravvisato possibili violazioni.

ATTENZIONE: Questo memorandum della conversazione telefonica (TELCON) non è una trascrizione testuale dell’intera discussione. Il presente testo documenta le note e i ricordi nella “Situation Room Duty”. Gli ufficiali e il personale della NSC svolgeva l’incaricato di ascoltare e trascrivere la conversazione man mano che essa si svolgeva. Pertanto numerosi fattori possono influenzare l’accuratezza della registrazione, tra cui: le cattive connessioni della telecomunicazione; le variazioni di accento e/o l’interpretazione di una parola “impercettibile” che può essere stata utilizzata per indicare le parti di una conversazione che il notaio non è stato in grado di ascoltare bene.

Donald Trump: Congratulazioni per questa grande vittoria. Abbiamo tutti assistito con interesse dagli Stati Uniti, ha fatto un ottimo lavoro. Eppure è partito da fuori dell’ambiente politico, mentre ad altri non è stata data molta possibilità e alla fine ha vinto facilmente [le elezioni n.d.t.]. Questo è un risultato fantastico. Congratulazioni.

Volodymyr Zelenskyj Presidente dell’Ucraina: Ha perfettamente ragione, signor Presidente. Abbiamo vinto alla stragrande ma abbiamo lavorato sodo proprio per questo. Un duro lavoro, e le confesso che ho avuto l’opportunità di imparare da lei. Abbiamo usato il suo stesso metodo e le sue stesse conoscenze adattandole alle nostre elezioni, e sì, è vero che queste elezioni erano proprio uniche. Eravamo in una situazione particolare e siamo riusciti a raggiungere un grande successo. Posso dirle quanto segue: mi ha chiamato la prima volta per congratularsi con me per la vittoria nelle elezioni presidenziali; questa seconda volta invece mi ha chiamato perché il mio partito ha vinto le elezioni parlamentari. Comincio a pensare che dovrei concorrere più frequentemente, così da sentirci più spesso telefonicamente.

Trump: [risate] È un’ottima idea. Penso che il tuo paese possa essere molto felice.

Zelenskyj: Beh, sì, a dire la verità, stiamo cercando di lavorare sodo per prosciugare il pantano in cui si trova il nostro paese. Abbiamo portato molti volti nuovi. Non i vecchi politici e nemmeno i soliti politici proprio per dare un nuovo volto e un nuovo corso al governo. Lei è un grande insegnante per noi proprio per questo.

Trump: Beh, è ​​molto gentile da parte sua. Sa noi facciamo molto per l’Ucraina. Dedichiamo tanto impegno e tempo. Molto di più di quanto i paesi europei stiano facendo. Loro dovrebbero aiutarti di più di quello che fanno. La Germania non fa quasi nulla. Tutto che fa è parlare, penso che sia qualcosa su cui dovresti davvero discutere con loro. Angela Merkel nei colloqui mi parlava spesso dell’Ucraina, ma non ha mai fatto nulla. Gli altri paesi europei ragionano allo stesso modo, quindi penso che dovresti pararne, invece gli Stati Uniti sono stati molto buoni con l’Ucraina. Non credo che siamo stati mai ricambiati per questo, ovviamente perché stanno accadendo cose brutte, ma gli Stati Uniti sono stati molto buoni con l’Ucraina.

Zelenskyj: Sì, ha assolutamente ragione. Non solo al 100%, ma al 1000%; posso dirle che ho già parlato con Angela Merkel e l’ho anche incontrata. Ho anche incontrato e parlato con Macron e ho detto loro che non si stanno impegnando molto riguardo le sanzioni. Non le impongono affatto. Scopriamo quindi che, anche se logicamente, l’Unione europea dovrebbe essere il nostro più grande partner, tecnicamente gli Stati Uniti lo sono in maniera più rilevante rispetto all’UE e ti sono molto grato per questo perché gli USA ci stanno aiutando molto. Molto di più rispetto all’Unione Europea, soprattutto se parliamo delle sanzioni contro la Federazione Russa. Approfitto anche ringraziarvi per il vostro grande sostegno nel settore della difesa. Siamo pronti a collaborare per i prossimi passi, in particolare siamo quasi pronti ad acquistare più Javelin* dagli Stati Uniti per difenderci.

* Il Javelin o FGM-148 Javelin è un’arma militare utilizzata in caso di attacco contro mezzi blindati e carri armati, ma non sono esclusi elicotteri a bassa quota. Il raggio d’azione è di circa 2–3 km. L’arma è composta da un lanciatore spalleggiabile usa e getta, chiamato CLU (Command Launch Unit, unità di controllo lancio); il proiettile utilizzato è un missile a combustibile solido.

Trump: Vorrei che tu ci facessi un favore perché il nostro Paese ne ha passate molte e l’Ucraina ne sa qualcosa. Vorrei che tu scoprissi cosa è successo con l’intera situazione in Ucraina, riguardo Crowdstrike**… Immagino tu abbia uno dei tuoi uomini, o il tuo personale… I server, dicono che [le informazioni] siano in possesso dell’Ucraina. Sono successe molte cose. Credo che lei si stia circondando di alcune di quelle stesse persone. Vorrei che il Procuratore Generale chiamasse lei o il suo staff e che arrivaste in fondo. Come ha visto ieri, tutta questa assurdità si è conclusa con una performance molto pessima di un uomo di nome Robert Mueller, una performance da incompetente, ma dicono tutto sia iniziato con l’Ucraina. Qualunque cosa tu possa fare, è molto importante farlo se è possibile.

**Crowdstrike è una società di sicurezza informatica americana coinvolta negli attacchi e-mail del Comitato nazionale democratico del 2015 e 2016 e accuse di illeciti di Joe Biden e suo figlio. Trump stesso non ha usato le parole “aiuto militare” nella trascrizione rilasciata della chiamata del 25 luglio.e la sospensione da parte dell’amministrazione Trump degli aiuti obbligati dal Congresso fu uno shock per i funzionari del governo ucraino. Secondo quanto riferito, l’Ucraina non sapeva fino ad agosto che era stata trattenuta.

Presidente USA Donald Trump e il Presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky si stringono la mano a New York il 25 Settembre 2019 (Photo credit should read SAUL LOEB/AFP/Getty Images)

Zelenskyj: Sì, è molto importante per me e ciò che ha appena detto. In quanto presidente, è molto importante e siamo aperti a qualsiasi cooperazione. Siamo pronti a voltare pagina sulla cooperazione nelle relazioni tra Stati Uniti e Ucraina. A tale scopo, ho appena ricordato al nostro ambasciatore negli Stati Uniti che sarà sostituito da una figura più competente che lavorerà affinché le nostre due nazioni si avvicinino. Spero di poterla incontrare personalmente per cooperare ulteriormente. Uno dei miei assistenti ha parlato di recente con il signor Giuliani, speriamo moltissimo che possa soggiornare in Ucraina così da poterlo incontrare. Questo è per assicurarle che non ha altro che amici con noi. Mi assicurerò di circondarmi di personale più efficiente. La ritengo un amico. Siamo amici noi e ha amici nel nostro paese così da poterle assicurare una partnership strategica. Intendo circondarmi di personale capace e, oltre a quell’indagine, garantisco come presidente dell’Ucraina che tutte le indagini saranno condotte apertamente e candidamente. Glielo assicuro.

Trump: Bene perché ho sentito che ha un procuratore molto bravo ma che è stato bloccato una vera ingiustizia. Molti parlano di come l’hanno bloccato e ha coinvolto alcune persone molto cattive. Il signor Giuliani è un uomo molto rispettato. Era sindaco di New York City, un grande sindaco e vorrei che la chiamasse. Gli chiederò di chiamarla insieme al procuratore generale. Rudy sa cosa sta succedendo è un tipo molto capace. Se potesse parlargli sarebbe fantastico. L’ex ambasciatrice degli Stati Uniti, la donna, era una cattiva informatrice e le persone con cui aveva a che fare in Ucraina lo erano altrettanto, ci tengo a farglielo sapere. Un’ultima cosa, si parla molto del figlio di Biden, di Biden che bloccato l’accusa e molte persone vogliono scoprirlo, quindi qualsiasi cosa tu possa fare con il procuratore generale sarebbe grandiosa. Biden si è vantato di aver bloccato l’accusa, quindi vedi se riesci ad informarti… Mi sembra orribile.

Zelenskyj: Parlerò con il procuratore. Prima di tutto quello che so e sono ben informato sulla situazione. Adesso abbiamo la maggioranza assoluta in Parlamento; il prossimo procuratore generale sarà al 100% il mio candidato, sarà approvato dal parlamento e inizierà come nuovo procuratore da settembre. Lui o lei esaminerà la situazione, in particolare per la società che hai citato. Il problema dell’indagine sul caso è in realtà il problema di assicurarsi di ripristinare l’onestà, quindi ci occuperemo di questo e indagheremo. Inoltre, le chiedo gentilmente se hai ulteriori informazioni da fornirci, sarebbe molto utili per il caso e ai nostro magistrati; per quanto riguarda l’ambasciatore negli USA dall’Ucraina per quanto ricordo il suo nome era Ivanovich. È fantastico, lei è stata la prima a dirmi che era una pessima ambasciatrice e sono d’accordo con lei al 100%. Il suo atteggiamento nei miei confronti era tutt’altro che positivo in quanto ammirava il mio predecessore. Non accetta di vedermi come nuovo presidente.

Trump: Beh, esaminerò alcune cose. Chiederò a Giuliani di chiamarla e lo farò anche io. Il procuratore generale Barr la chiamerà così arriveremo in fondo al caso. Sono certo che lo scopriremo. Ho sentito che il procuratore è stato trattato molto male nonostante sia stato molto onesto, quindi buona fortuna con tutto. La tua economia migliorerà sempre di più. Hai molte risorse. È un grande paese. Ho molti amici ucraini e sono persone incredibili.

Zelenskyj: Io ho parecchi amici ucraini che vivono negli USA. In realtà nel mio ultimo viaggio negli Stati Uniti sono stato a New York, a Central Park e ho anche alloggiato alla Trump Tower. Parlerò con loro e spero di rivederla in futuro. La ringrazio per il suo invito a visitare gli Stati Uniti, a Washington DC. D’altra parte, voglio anche assicurarle che saremo molto seri riguardo al caso e lavoreremo sull’indagine. Per quanto riguarda l’economia, c’è un grande potenziale per i nostri due paesi e una delle questioni molto importanti per l’Ucraina è l’indipendenza energetica. Credo che possiamo avere molto successo e cooperare per l’indipendenza energetica con gli Stati Uniti. Stiamo cooperando. Acquistiamo petrolio americano e sono molto fiducioso di incontrarla in futuro. Avremo più tempo e più opportunità per discutere di queste opportunità e per conoscerci meglio. Grazie per il vostro supporto.

Trump: Ottimo. Bene grazie mille e lo apprezzo molto. Dirò a Rudy e al procuratore generale Barr di chiamare. Grazie. Ogni volta che vorresti venire alla Casa Bianca, sentiti libero di chiamarmi. Dacci un appuntamento e lo risolveremo. Non vedo l’ora di vedervi.

Zelenskyj: Mille Grazie. Sarei molto felice di venire e sarei felice di incontrarla personalmente e conoscerla meglio. Approfitto anche invitarla a visitare l’Ucraina e venire a Kiev, è una città bellissima. Abbiamo un paese meraviglioso e sarebbe il benvenuto. D’altra parte, credo che il 1° settembre saremo in Polonia e potremo incontrarci li speranzosamente. Dopodiché, potrebbe essere un’ottima idea venire in Ucraina. Possiamo prendere il mio aereo oppure possiamo il suo, che probabilmente è molto meglio del mio.

Trump: Ok, ci organizzeremo. Non vedo l’ora di vederti a Washington e forse in Polonia perché penso che saremo lì quei giorni.

Zelenskyj: Grazie mille, signor Presidente.

Trump: Congratulazioni per l’ottimo lavoro svolto. Il mondo intero stava guardando anche se non sono sicuro che sia stato così sconvolgente ma congratulazioni.

Zelenskyj: Grazie signor Presidente ciao ciao..

Fine della conversazione

Testo originale qui. Fonte Financial Times qui

Pin It on Pinterest