Perché l’incontro Salvini-Orbàn dovrebbe preoccupare tutti

Perché l’incontro Salvini-Orbàn dovrebbe preoccupare tutti

Al volgere al termine di quella che alcuni commentatori hanno efficacemente definito come la “sua” estate, Matteo Salvini si trincera all’interno del Palazzo della Prefettura di Milano. Ad attenderlo, al suo interno, un ospite non poi così inatteso, nonostante il vespaio di polemiche suscitato dal summit: Viktor Orbàn, granitico primo ministro dell’Ungheria (e non “Repubblica d’Ungheria”: può essere salutare ricordare come sia stata proprio la riforma costituzionale voluta da Orbàn, nel 2012, ad eliminare tale dizione dal nome ufficiale dello Stato) dal 2010, noto ai più per le sue posizioni apertamente nazionaliste, xenofobe ed euroscettiche.

Che tra i due ci fosse una certa intesa era fatto notorio: il Ministro dell’Interno italiano ha, infatti, indicato a più riprese nel premier ungherese un modello da imitare, il capofila di una linea dura nei confronti dei “tecnocrati di Bruxelles” che il leader leghista ha sperticatamente lodato per anni, non nascondendo la propria ammirazione per il disegno neonazionalista abbozzato in terra magiara. Che si giunga ad un incontro faccia a faccia, nel periodo presente e nel corrente contesto politico, ha, però, tutt’altro significato, e può rappresentare uno spartiacque epocale negli spazi politici, europeo e italiano. E che il fiume così spartito esondi, travolgendo le componenti democratiche e internazionaliste di ciascuno di essi, è un rischio tutt’altro che remoto.

UNITI NELLA DIVERSITÀ

Il motto dell’Unione Europea può paradossalmente esprimere meglio di ogni altro la vicenda politica di Fidesz, il partito ungherese di cui Orbàn è espressione, in rapporto ai propri partner politici europei. Sin dal 2004 (anno di adesione del Paese all’Unione, concomitante con le elezioni del Parlamento Europeo), esso è stato saldamente radicato nel Partito Popolare Europeo (PPE), il raggruppamento politico di centro-destra fondato dalla Democrazia Cristiana, che ad oggi coagula attorno a sé i principali partiti centristi europei, quali Forza Italia, la CDU di Angela Merkel e il suo quasi-omologo (difficile individuare una perdurante comunione d’intenti al netto del recente spostamento a destra, incarnato dalla linea politica del ministro Seehofer) baverese CSU e i repubblicani francesi. Il gruppo, il principale nel contesto europeo insieme ai socialdemocratici, coi quali si è spesso ingaggiato in una große Koalition di cui l’attuale Commissione europea è, a sua volta, espressione, è però assestato su posizioni politiche e culturali apparentemente antitetiche rispetto a quelle di Orbàn. Se gli uni sono europeisti e federalisti, l’altro è euroscettico e nazionalista; mentre i primi sono la più pregnante espressione dell’establishment europeo, avendo occupato ininterrottamente, ancorché in posizioni variabili, i posti di potere dell’UE sin dalla sua istituzione, il secondo deve la propria fortuna politica all’implacabile critica di quello stesso establishment, accusato di centralismo e lontananza dal popolo; dove il manifesto dei popolari, nella parte dedicata ai «valori», risulta imbevuto di liberalismo, il leader ungherese rivendica orgogliosamente di aver dato il via ad una «democrazia illiberale».

La politica, però (si sa), è fatta di compromessi – risponderebbero, probabilmente, dalle parti del PPE, interrogati su come sia possibile un simile sodalizio e non desiderosi di rispolverare una polemica mia del tutto sopita. La politica (si sa) è fatta di opportunismo – risponderebbero, probabilmente, da entrambe le parti, se ciascuna di esse avesse onestà intellettuale e non avesse potenti disincentivi a negare un’irrecomponibilità di fondo coi propri, formali alleati. Come messo, infatti, in luce da più parti, la membership nel PPE ha sinora messo Orbàn al riparo dalla pericolosa procedura ex art. 7 del Trattato sull’Unione Europea (TUE), a mente della quale uno Stato membro che ponga in essere una “violazione grave e persistente” dei valori fondamentali dell’Unione («dignità umana, libertà, democrazia, uguaglianza, Stato di diritto e rispetto dei diritti umani, compresi i diritti delle persone appartenenti a minoranze […], pluralismo, non discriminazione, tolleranza, giustizia, solidarietà e parità tra donne e uomini», recita l’art. 2 del medesimo Trattato) può giungere a vedersi sospendere i diritti derivanti dalla partecipazione all’Unione (con particolare rilevanza del diritto di voto in seno al Consiglio), senza che contestualmente perdano efficacia gli obblighi ad essa connessi. In un meccanismo di approvazione che prevede il voto unanime del Consiglio Europeo, il Collegio di quei capi di Stato e di Governo che in più di un caso sono espressione dei partiti popolari, e l’approvazione del Parlamento Europeo, dove questi detengono la maggioranza relativa, Fidesz ha, non dando sèguito al vistoso spostamento a destra intrapreso dalla leadership di Orbàn, restando legato ai popolari e non ricollocandosi nel più congeniale gruppo dell’Europa delle Nazioni e della Libertà (ENF, coacervo di partiti di destra ed euroscettici capitanato dalla Lega e dal Rassemblement National, nuovo nome del Front National di Marine Le Pen), di fatto impedito qualsiasi iniziativa nel senso di attivare la norma in questione.

Le vantaggiose conseguenze del collocamento politico prescelto dal partito ungherese sono sommamente evidenti se si effettua un paragone col caso polacco. A séguito di una controversa serie di riforme del sistema giudiziario varate dal partito di governo Diritto e Giustizia (in polacco, Prawo i Sprawiedliwość, abbreviato in PiS), parte rilevante della quale è costituita da misure accusate di sottoporre, di fatto, la Corte Suprema al controllo del governo (in perfetto parallelismo con quanto avvenuto in Ungheria in rapporto alla Corte Costituzionale), la Commissione ha deciso di attivare l’art. 7 contro l’altro leone rampante del gruppo di Visegrád. Tali misure hanno esasperato i toni della tensione montata negli ultimi anni fra gli occupanti dei palazzi del potere di Varsavia e gli omologhi di Bruxelles, a causa delle politiche di concentramento del potere e di riduzione dei checks and balances portate avanti dalla Polonia, in modo (ancora) del tutto analogo all’Ungheria. Per quanto le probabilità che il meccanismo sanzionatorio giunga ad efficacia siano prossime allo zero (come detto, il Consiglio Europeo deve esprimersi all’unanimità, e la Polonia può contare sull’appoggio -non sorprendente- di Orbàn), il valore simbolico della prima apertura della procedura nella storia dell’Unione è dirompente, e si pone a formalizzazione della crescente spaccatura fra i Paesi dell’Europa occidentale, che formano il nucleo storico del progetto eurounitario, e quelli dell’Europa orientale, assestati su posizioni euroscettiche e sovraniste pressoché dai primi giorni dell’allargamento ad Est del 2004-2007.

Come spiegare la differenza dei trattamenti rispettivamente riservati a Polonia e Ungheria, a fronte di tante similarità? Per banale e maliziosa che possa sembrare, la risposta data pressoché unanimemente è molto semplice: a differenza di Fidesz, PiS è federato, al livello europeo, al gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei (ECR), largamente minoritario a tutti i livelli istituzionali. Il premier magiaro, dunque, ha storicamente avuto tutto l’interesse a restare accasato alla famiglia dei popolari europei, che pur di evitare imbarazzanti prese di posizione contro il graduale percorso verso l’autocrazia di Orbàn (come giustificare ai propri elettori una presa di posizione trasversale come l’accusa di violare i princìpi base della convivenza europea contro un proprio alleato?) si è dimostrata largamente indulgente verso i movimenti tellurici in corso ad Est. In cambio della tolleranza del centro-destra europeo, Fidesz ha portato in dote, nella legislatura 2014-2019, ben 12 dei 22 seggi spettanti all’Ungheria nel Parlamento Europeo, grazie al proprio incomparabile peso nel panorama politico domestico – una boccata di ossigeno per i popolari, che anche grazie al contributo magiaro riescono a detenere una risicata maggioranza relativa, con 219 seggi a fronte dei 189 dei socialisti.

Le cose, però, potrebbero ben presto cambiare, e l’incontro milanese del 28 agosto è lì per testimoniarlo. La crescente arroganza di Orbàn, divenuta pressoché incontenibile a fronte della schiacciante maggioranza parlamentare ottenuta alle elezioni nazionali dell’8 aprile 2018, ha recentemente portato la Commissione Libertà Civili del Parlamento Europeo a chiedere alla plenaria di esprimersi su un’apertura del procedimento ex art. 7, con votazione che si terrà a settembre. In questo contesto, 8 dei 19 membri della Commissione in quota PPE hanno votato a favore della mozione – a testimonianza dell’emersione di un fronte di dissenso interno ai popolari, di un’insofferenza montante che potrebbe portare i moderati europei a revocare in dubbio la propria storica remissività nei confronti dell’alleato.

Alleato, sì: ma per quanto? Il disegno di Salvini, apertamente desideroso di dare vita ad una “Internazionale nera” per trasformare “l’Europa delle banche” in “un’Europa dei popoli” federando i partiti di destra, estrema e/o populista, così da bloccare ogni tentativo di ulteriore integrazione e far passare a tutti i livelli la linea “dura” anti-immigrazione, è ora ben lungi dal risultare irrealizzabile. Se, da un lato, il PPE si mostra sempre meno disposto a chiudere un occhio sui colpi di mano magiari, dall’altro, per quanto le letture in questo senso non siano unanimi, Orbàn sembra avere sempre meno incentivi, alla luce del quadro politico che si profila all’orizzonte delle elezioni europee del maggio 2019, a restare imbrigliato nell’ingombrante famiglia del moderatismo eurounitario. Con i repubblicani francesi virtualmente scomparsi dallo spettro politico transalpino e una Forza Italia agonizzante, il Partito Popolare spagnolo logorato dall’estenuante governo Rajoy e i cristiano-democratici tedeschi indeboliti dalle recenti vicende interne, è pressoché inevitabile che il PPE subisca un forte ridimensionamento nella ventura tornata elettorale, anche alla luce delle indiscrezioni che vorrebbero un Macron più interessato a creare un gruppo autonomo, che a convergere in famiglie politiche esistenti (posto che i popolari sarebbero, insieme all’ALDE, nel quadro dei grandi raggruppamenti, il gruppo probabilmente più congeniale all’istrionico presidente francese). D’altro canto, l’ENF di Salvini e Le Pen guadagna sempre più appeal: con una Lega ai massimi storici, partiti di destra ed euroscettici sempre più radicati in Germania, Austria e Olanda e il Rassemblement National sempre più vicino a completare la propria riconversione da partito dei nostalgici di Vichy a raggruppamento dei populisti di destra d’Oltralpe, non sembra azzardato ritenere che le destre saranno, perlomeno ed ottimisticamente, la terza famiglia più numerosa d’Europa. Se, infine, si aggiungono le indiscrezioni sulle volontà del PiS polacco di abbandonare i Conservatori a fronte del drammatico ridimensionamento che questi stessi subiranno, perdendo i tories inglesi in conseguenza della Brexit, e che per ragioni del tutto speculari a quelle esposte per Fidesz non sembrano sussistere grandi incentivi ad unirsi al PPE, i tempi sembrano maturi perché i due partiti leader del gruppo di Visegrád si apparentino alle destre dell’Europa occidentale, consolidando anche nelle sedi istituzionali il blocco sovranista ed euroscettico.

Il meeting di Salvini e Orbán rema precisamente in questa direzione. Il leader leghista, a margine dell’incontro, ha dichiarato: «Stiamo lavorando per un’alleanza che escluda le sinistre e riporti al centro le identità che i nostri governi rappresentano, ognuno con la sua storia. Possiamo unire energie diverse con un obiettivo comune». Per quanto Orbàn abbia usato termini meno netti, esprimendo un generico apprezzamento per il leader lombardo, il processo di avvicinamento in atto è innegabile – e non è da escludere che, superato lo scoglio del dibattito parlamentare sull’attivazione dell’art. 7 sopra riferito, le carte dell’ultradestra vengano scoperte, gli alleati del premier ungherese a Strasburgo vengano scaricati e il gruppo di Visegrád allargato prenda, finalmente, forma: quali le ripercussioni, per l’Europa, della formazione di un compatto gruppo di estrema destra nel Parlamento chiamato, fra l’altro, ad approvare l’insediamento della prossima Commissione e il piano finanziario pluriennale dell’UE per il periodo post-2020, e a legiferare in materia migratoria, pare sufficientemente autoevidente.

L’incontro del 28 agosto apre, così, ufficialmente la campagna elettorale del fronte neonazionalista  europeo. Un fronte che, a differenza dei propri concorrenti, sembra avere le idee drammaticamente chiare sulle direzioni da imprimere all’Europa. Poco importa, poi, agli occhi dei suoi elettori, che in termini di concrete scelte politiche i suoi componenti si trovino a pugnalarsi alle spalle, con un governo italiano impegnato sul fronte della redistribuzione infraeuropea dei migranti ed un governo ungherese (così come quello polacco, quello slovacco e quello ceco) che respinge la riforma del regolamento di Dublino e si rifiuta categoricamente di accogliere persone anche sul piano diplomatico ed extra-giuridico. Nel lungo termine, i leader di estrema destra convergono sull’irrealizzabile, disumano e contrario ai basilari princìpi del diritto, internazionale come europeo, disegno di bloccare i flussi migratori alla partenza. Tanto basta per mobilitare folle di elettori, ormai prigionieri della mistificatoria e tossica narrazione del populismo pseudo-identitario.

AHI, SERVA ITALIA

Per quanto le conseguenze principali, e più gravi, dell’avvicinamento italo-ungherese riguardino, come discusso, lo spazio politico europeo, i riposizionamenti che esso sembra implicare non paiono privi di conseguenze anche per lo scenario italiano.

I malumori dei 5 Stelle rispetto all’incontro milanese, frettolosamente connotato come politico, non condiviso e non istituzionale, a voler rimarcare la propria ostilità alla refrattarietà di Orbàn alle politiche di redistribuzione dei migranti, segnano l’ennesimo episodio della latente conflittualità fra le due componenti del governo “giallo-verde”. L’alleato ungherese non piace agli adepti di Di Maio, e il gioco delle parti nel quale i pentastellati tentano di irretire le anime di sinistra dell’elettorato italiano trova un’importante mossa in questa univoca dissociazione dalle amicizie che aleggiano negli ambienti governativi. Una dissociazione che, però, non piace agli esponenti leghisti, che invece tengono a sottolineare come il ruolo istituzionale di Salvini giochi un ruolo importante nel colloquio, anticipatorio di una comunione d’intenti anche a livello intergovernativo: che ciò avvenga surrettiziamente, come nell’intervista a Libero in cui Salvini mette in luce come Orbàn sia “un capo di Stato come un altro”, o esplicitamente, con Fontana e Bianchi che rivendicano l’importanza del ruolo governativo del leader leghista, appare chiaro come il Carroccio guardi con favore alle implicazioni istituzionali del nuovo asse.

Con ogni probabilità, e come già nel 2014, 5 Stelle e Lega correranno, dunque, con differenti prospettive di alleanze post-elettorali alle prossime consultazioni europee – e anche questo andrà spiegato all’opinione pubblica, non trattandosi esattamente di un segno di buoni rapporti fra gli alleati di governo. Al contempo, è difficile immaginare che Forza Italia voglia rompere con i partner popolari, mentre è plausibile che Fratelli d’Italia voglia seguire Salvini nella sua avventura in fondo a destra. Che ciò risulti, o meno, in una formale frattura all’interno del centrodestra, che non farebbe che complicare il quadro politico italiano, il rischio che si prospetta come più evidente è, però, quello che le elezioni europee fungano da pretesto per la definitiva spaccatura della coalizione giallo-verde: scenario al quale Salvini sarebbe decisamente interessato, per mettere definitivamente a frutto l’erosione dei consensi ai danni del partner di governo attuata in questi mesi e tornare alle urne. Se, peraltro, la Lega dovesse effettivamente ottenere risultati esaltanti in sede europea, non le risulterebbe affatto difficile confondere drammaticamente i piani (in ciò confortata dal triste precedente di «#enricostaisereno»), ed agitare il feticcio della legittimazione democratica ottenuta a Strasburgo per rinsaldare ulteriormente la propria egemonia nella politica nazionale, assestandola ulteriormente su lidi destrorsi.

Insomma, quest’ultimo scorcio d’estate rischia di avere ripercussioni drammatiche sul futuro della politica, nazionale ed europea. Gli orizzonti di entrambe si tingono di nero, e le cupe ombre del più becero nazionalismo si stagliano sul prossimo, decisivo quinquennio. L’unica speranza per i democratici e cosmopoliti, del vecchio Continente, ma non solo, sembra essere quella di una nuova stagione di civismo e partecipazione, una raccolta dei sempre più pressanti, ma (purtroppo) sempre più minoritari, appelli a «restare umani». Contro ogni retorica dell’ineluttabilità della catastrofe che si profila, vale oggi più che mai, con gli occhi rivolti non solo (come nella prospettiva dell’Autore) alla teoria politica generale, ma anche alla concreta prassi quotidiana, l’efficace formula di Giorgio Gaber: «Libertà è partecipazione».

Paolo Mazzotti


 

Salvini, impara dall’Europa come essere razzista (sul serio)

Salvini, impara dall’Europa come essere razzista (sul serio)

Il caso Diciotti

Siamo a quattro giorni dall’arrivo della nave Diciotti al porto di Catania. A bordo 150 migranti, ormai tesi, in sciopero della fame, inconsapevoli di quello che rappresentano per il nostro Paese. La questione è di competenza del ministero degli interni, i migranti sono su una nave della guardia costiera nazionale e sembra assurdo non permettere loro di sbarcare per poi gestire la questione in maniera civile.

Ma si sa, il ministro degli interni Salvini non eccelle certo per saggezza politica e gli allarmismi sono di vitale importanza per la retorica salviniana, utilissimi per dimostrare un pugno duro che in realtà non c’è.

Salvini dovrebbe prendere esempio dai politici e diplomatici tedeschi, che un accordo sui migranti l’hanno fatto con la Turchia, senza chiedere nulla a nessuno, senza tenere in ostaggio navi e naviganti, pagando Erdogan miliardi di euro dai soldi

salvini libia

Salvini in partenza per la Libia

comunitari, quindi anche italiani, senza che nessuno aprisse bocca.

Salvini invece? Va bene, un tentativo l’ha fatto, è andato in Libia ed è stato sbeffeggiato a livello internazionale dal vicepremier libico Ahmed Maitig nel Giugno 2018 (alla richiesta di creare campi di accoglienza in Libia, i libici hanno risposto “assolutamente no”).

Cosa fa quindi il ministro degli interni? Piagnucola

Piagnucola contro l’Europa: “L’Europa non ci aiuta! – Ci lascia soli! Vergogna! – Ora basta!”. Lui, che è stato votato per distruggerla questa Europa, per tornare agli stati sovrani, la svolta dei sovranisti, ora si appella porprio ad essa per essere aiutato a gestire il fenomeno degli sbarchi. Dopo aver parlato negli anni di “Europa di merda”, “Prima gli Italiani” e tutto il resto, si appella all’Europa per sottrarsi alle proprie responsabilità. Che l’Europa sia un cinico rottame a copertura  del potere tedesco, questo lo sapevamo già, ed è proprio per questo che Salvini ha vinto le elezioni.

Quindi? Salvini dovrebbe imparare dall’Europa (Germania), prendere esempio dall’accordo Merkel –Erdogan, spegnere Facebook per un paio di giorni, studiare, andare in Libia e tornare a casa con uno straccio di accordo che sia favorevole all’Italia. La Germania ha approfittato per anni del vuoto politico europeo per perpetrare i propri interessi, sappiamo tutti che in Europa ognuno può fare come vuole, Salvini ha la possibilità di fare come vuole, se non lo fa è solamente colpa sua.

Piagnucola contro i migranti: “Scrocconi – Nullafacenti! – Basta questa feccia nelle nostre strade a sbafo degli italiani!” E cosa fa? Filma ragazzi neri in dirette Facebook, ci fa sorbire tweet infiniti sui rifugiati e sky, wifi, cibo buttato, stupri, furti, spaccio, minaccia il pugno duro, i rimpatri di massa. Ora, però, Salvini è ministro degli interni e la campagna elettorale è finita da mesi, gli immigrati continuano a sbarcare e non si vede nemmeno l’ombra di un piano strategico per risolvere il problema dell’immigrazione (incontrollata) che non sia quello di tenere 150 vite umane sul ponte di una nave della guardia costiera in condizioni pietose.

Quindi? Ancora una volta Salvini dovrebbe imparare dall’Europa (Germania) che quando ha dato degli scrocconi, ladri, popolo che vive a sbafo degli altri ai greci, poi li ha messi alla fame sul serio. Austerità decennale, tagli dei settori essenziali come settore pubblico amministrativo, sanità, assistenza sociale. Gli ospedali greci ridotti a “danger zone”, infermieri ridotti ad 1 per ogni 40 pazienti, letti non disinfettati, mancanza degli strumenti medici di prima necessità come disinfettanti, garze, 25.000 tra medici e operatori sanitari licenziati. L’austerità ha devastato la sanità greca facendo alzare drasticamente la mortalità, perchè i greci sono un popolo di scrocconi e un terzo della spesa sanitaria andava tagliata.

Se Salvini vuole usare il pugno duro, allora impari dall’Europa.

E per non farci mancare nulla, in questi giorni di polemiche sulla nave Diciotti, abbiamo dovuto assistere alla sfilata dei derelitti dell’opposizione politica italiana. Martina, Boldrini, Boschi, ecc. sono corsi a fare visita a bordo della nave Diciotti per non lasciarsi sfuggire l’ennesima occasione di farsi massacrare da Salvini sul tema immigrazione, suo cavallo di battaglia, unico tema da cui dovrebbero stare serenamente alla larga.

Samy Dawud


 

Come i populisti italiani stanno surriscaldando il clima elettorale

Come i populisti italiani stanno surriscaldando il clima elettorale

ROMA – L’estremista di destra, ex-candidato alle elezioni comunali, che ha ferito sei immigrati africani in una sparatoria a sfondo razziale a Macerata, trovato in possesso di una copia del Mein Kampf e di croci celtiche. Le fotografie svelano inoltre un tatuaggio neonazista sul viso; al momento del suo arresto invece aveva una bandiera italiana drappeggiata sulle spalle mentre eseguiva un saluto fascista.

L’uomo armato, Luca Traini, era candidato alle elezioni dello scorso anno non con un partito post-fascista e nazionalista, ma come rappresentante della ex lega secessionista del Nord sempre durante la leadership di Matteo Salvini, che il sicario ha descritto come il suo “capitano”. Il partito da poco rinominato ha perso la parola “Nord” per attirare il resto degli elettori italiani che condividono la rabbia anti-immigrati dell’attuale segretario.

In vista delle elezioni italiane del 4 marzo, ce n’è in abbondanza. Forse nessun problema ha colpito più gli elettori quanto l’immigrazione, e forse nessun politico italiano ha espresso preoccupazioni sull’immigrazione tanto quanto Salvini.

Nel precario clima politico europeo, Salvini si pone come una nuova minaccia all’establishment politico che negli ultimi mesi ha goduto di una tregua dopo che le forze populiste sono state in gran parte respinte nelle elezioni francesi e tedesche.

Non è solo il preferito della francese Marine Le Pen, del presidente russo Vladimir Putin e politici nazionalisti in tutta Europa. Alcuni temono addirittura che Salvini, attualmente in coalizione di centro-destra con Silvio Berlusconi, alla fine potrebbe unire le forze con il movimento populista Cinque Stelle, che riecheggia fortemente il messaggio anti-immigrazione e anti-Unione Europea. Insieme sarebbero un incubo anti-establishment.

“Il progetto di Salvini è un progetto nazionale. Le sue idee politiche, la sua idea di proteggere il territorio, sono viste allo stesso modo nel nord e nel sud”, ha detto Francesco Zicchieri, leader di NOI con Salvini, il ramo meridionale e centrale italiano della Lega Nord.

Fino a pochi anni fa, la Lega Nord era un partito separatista costruito sull’antagonismo nei confronti di Roma (la grande ladrona) e del sud terrone. Il sogno era la sovranità per la Padania, una mistica terra del nord Italia intrisa della santità del fiume Po.

Salvini, 44 anni, ha assunto la direzione del partito nel 2013 dal suo fondatore, Umberto Bossi, che era stato indebolito da un ictus e da scandali di corruzione. Da allora Salvini è stato un candidato instancabile per il primo ministro e una figura mediatica onnipresente, mentre separava il partito dalle sue radici secessioniste.

Ha usato il crescente malcontento economico del paese, e in particolare la sua diffidenza verso gli immigrati, come mezzo per raggiungere gli elettori nell’ex territorio nemico.

La macchina del sospettato, Luca Traini, 28 anni, che ha aperto il fuoco sui migranti africani a Macerata durante il fine settimana. Una volta era candidato come candidato alla festa di Salvini. Credits carabinieri italiani, da Reuters

Anche se il governo di centro-sinistra italiano – come altri paesi europei precedentemente più accoglienti – ha represso l’immigrazione clandestina, il messaggio di Salvini continua a risuonare in un paese in prima linea in una grande migrazione che ha rimodellato la politica europea.

Più di 600.000 migranti, molti dall’Africa, sono sbarcati sulle coste italiane negli ultimi quattro anni, provocando un contraccolpo che ha alimentato il centro destra.

L’estate scorsa, un candidato del partito di Salvini ha scioccato l’Italia vincendo a Cascina, una roccaforte liberale in Toscana, liberata dai soldati americani nella seconda guerra mondiale. Nel sobborgo romano di Ostia, i sostenitori del partito post-fascista CasaPound hanno dichiarato che voteranno per Salvini alle elezioni nazionali.

“Salvini è un brav’uomo”, dice Sonia Valentini, 53 anni. “Mi piace perché mette gli italiani al primo posto. E immagino che anche lui sia un fascista. Cosa sai fare?”

Il sentimento anti-immigrati alimentato da Salvini ha costretto il governo a rinunciare allo IUS SOLI, una proposta di legge per concedere la cittadinanza ai figli di immigrati nati e cresciuti in Italia.

A settembre, Salvini – che ha espresso dubbi sulle vaccinazioni – ha accusato la morte di un bambino dalla malaria di migranti che “riportano in Europa” malattie un tempo sradicate.

Nelle scorse settimane un candidato della Lega nella regione settentrionale della Lombardia ha detto alla stazione radio di Padania che l’Italia deve porre fine agli arrivi di migranti perché hanno messo in pericolo la “razza bianca”.

Questo sentimento si sta diffondendo.

Dopo la sparatoria di Macerata, l’alleato politico di Salvini, Berlusconi, ha promesso di mandare a casa 600.000 immigrati senza documenti, definendoli “una bomba sociale pronta ad esplodere”. In un’intervista televisiva italiana ha aggiunto: “Tutti questi migranti vivono di inganno e crimine “.

Proprio lui che sarebbe dovuto essere l’influenza moderatrice della coalizione.

In un centro di assistenza legale per migranti a Milano, Pierangelo Lopopolo ha detto che la paura ha reso le vite delle persone più difficili.

“Salvini sta approfittando del malcontento nel sud e l’immigrato è il nemico ideale” – continua poi – “Non hai un lavoro? Colpa degli immigrati. Paghi troppe tasse? I servizi vanno agli immigrati. C’è troppa criminalità? Sono sempre gli immigrati. Questa è la routine.”

Persino alcuni dei vecchi partner di Salvini nella Lega Nord pensano che sia andato troppo lontano.

“Con Salvini, l’immigrazione è tutta una questione di paura. Se togli l’immigrazione di cosa parla? Ha mai offerto una soluzione oltre a buttarli tutti fuori?”, dice Roberto Bernardelli, un socievole proprietario di un albergo e membro della vecchia guardia della Lega Nord a Milano che ha recentemente fondato un partito scissionista, Grande Nord.

Edifici occupati da migranti nell’ex villaggio olimpico di Torino. L’Italia ha faticato ad accogliere gli oltre 600.000 migranti che sono arrivati ​​nel paese negli ultimi quattro anni. Credit Siegfried Modola / Reuters

Bernardelli, che è attualmente accusato di aver finanziato l’armamento di un carro armato militare per separatisti, ha aggiunto: “Bossi ci ha regalato il sogno dell’indipendenza nel nord. Quando Salvini trasforma la Lega Nord in una lega nazionalista, sta distruggendo il nostro sogno”.

Salvini è un politico profondamente ambizioso e ha il suo sogno. I critici dicono che è principalmente egoista, indipendentemente da chi si farà male. Attualmente ha circa il 12% dei voti, ma è diventato uno sfidante per Berlusconi e un partner potenzialmente ribelle nella loro alleanza di centro-destra.

Salvini, molto scettico sull’Unione Europea nonostante sia un deputato pagato al Parlamento europeo, era solito riservare la sua ostilità ai meridionali. Nel 2009, al festival annuale della Lega a Pontida, ha cantato: “Senti che puzza, scappano anche i cani, stanno arrivano i napoletani”.

Una volta viaggiando verso Roma rinominò il suo treno “Nerone Express”, in riferimento all’imperatore incolpato di aver bruciato la città.

Quest’estate invece ha condotto una campagna elettorale in tutta la Sicilia su un treno regionale lento e recentemente ha diretto una manifestazione a Roma per mostrare la sua portata nazionale del suo partito.

Nella stessa manifestazione alcuni sostenitori hanno sventolato la bandiera padana con le sei foglie verdi. Clara Agnoletti ha addirittura sfilato con il simbolo della Lega Nord fatto a mano con 4.000 cristalli verdi per manifestare la sua esasperazione nell’aver eliminato la parola Nord dal nome del partito.

Salvini, alzando le spalle ha risposto: “Metterò un po di carta bianca sulla parola nord”.

Dietro di lei, un gruppo di nazionalisti bianchi che si definivano “Giovani Identitari”, manifestavano contro lo Ius Soli. I sudisti della regione Puglia invece tenevano uno striscione pro-Salvini.

“Liberarci del nord sul cartello ha permesso a molti di avvicinarsi alla Lega”, ha detto Silvano Contini, coordinatore del gruppo meridionale. “La causa degli immigrati ci rende tutti uniti.”

Salvini, che indossava un maglione color cipria in armonia con la sua panatica estetica da uomo, ha fatto le sue solite osservazioni contro l’euro e l’islam radicale e in difesa dei pensionati e dei disoccupati.

Ma i suoi più grandi applausi riguardavano gli immigrati. “Sono stufo di vedere gli immigrati negli alberghi e negli italiani che dormono in auto”, ha detto Salvini allegramente. “Questo paese è razzista”.


[Traduzione e sintesi di Roberto Del Latte. Articolo originale di   per New York Times qui ]

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cronache dei Figli Cambiati

Buon compleanno Giulio

Buon compleanno Giulio

Giulio Regeni avrebbe compiuto oggi trent’anni. Non sarà così per il giovane ricercatore friulano, torturato e ucciso al Cairo in circostanze ancora per certi versi misteriose. Cronaca di una storia infinita, di una vicenda che dopo quasi ben due anni è riuscita a far parlare la professoressa di Giulio. Che tuttavia forse, ancor oggi, tace e ci lascia brancolare, tanto per cambiare, nel buio investigativo e nel silenzio più torbido.

Oggi avrebbe compiuto trent’anni un ragazzo, ormai uomo, innamorato della vita e della ricerca. Degli studi e del lavoro. Dell’impegno quotidiano e di realtà leggermente differenti dalla nostra. Dall’altra parte, ricordando Giulio, constatiamo invece un presente nazionale denso di una campagna elettorale così brutta eppur divertente, senza vincitori né vinti, con un mercato delle promesse che non bada a spese. Tra una dentiera, promesse pensionistiche da mille euro al mese, bonus una tantum, abolizioni da svariati miliardi e assistenzialismo che cancella dall’agenda politica la parola lavoro, tanto chiacchierata quanto dimenticata nelle dinamiche e nelle proposte dell’offerta politica nazionale.

Ecco perché, proprio oggi, ricordare Giulio conta di più. Conta ricordare l’impegno e la dedizione che ha impiegato non solo nella propria attività di ricerca, ma anche nella voglia di scoprire e interpretare la realtà senza la presunzione del sentirsi arrivati o peggio ancora, onnipotenti. Ecco perché resta bello ma soprattutto doveroso ricordarlo. Perché faccio parte di quella frangia generazionale che vorrebbe in campo più Regeni e meno Di Maio. Più desiderio di politiche attive sul lavoro che rassicurazioni pantofolaie come redditi di dignità o di chissà quale altro nominativo. Che non cambia comunque la sostanza delle cose. La sostanza di una politica fondata sulla paura e al tempo stesso su una rassicurazione che puzza di deleghe ed inerzia quotidiana.

Giulio Regeni, voglio ancora ripeterlo, avrebbe oggi compiuto trent’anni. La sua storia ci ha insegnato a non dimenticare che, giorno dopo giorno, in Egitto, a chiunque possono succedere cose simili se non identiche a quanto accaduto quel 25 gennaio 2016. Così drammatico ma in grado di aprirci ulteriormente gli occhi. Di ricordarci il silenzio italiano. Quel silenzio che si piega a beffarde dinamiche geopolitiche e interessi economici difficili da spodestare dinanzi alla bilancia delle priorità di un governo nazionale.

Resta tuttavia il sorriso di Giulio, nonché la caparbietà di chi ancora continua a crederci, e lotta per donare a Regeni la verità vera. Una lotta che continuerà, ora e ancora. Per i prossimi compleanni, per impedire di farlo morire più volte. Perché una può bastare e perché non vi è morte peggiore che quella della dimenticanza e dell’assenza di chiarezza. Una chiarezza che bisogna continuare a chiedere. Giorno dopo giorno, anno dopo anno, compleanno dopo compleanno.

A Claudio, Paola e Giulio Regeni

Perché la Cina non salverà la Corea del Nord

Perché la Cina non salverà la Corea del Nord

Cosa aspettarsi se le cose cadono a pezzi

Da un po’ di tempo i funzionari USA sono d’accordo con la famosa affermazione di Mao Zedong sui rapporti tra Cina e Corea del Nord: i due paesi sono come “labbra e denti”Pyongyang dipende principalmente da Pechino per l’energia, il cibo e la maggior parte del suo magro commercio con il mondo esterno, proprio per questo motivo le amministrazioni statunitensi hanno cercato di arruolare i cinesi nei loro tentativi di denuclearizzare la Corea del Nord. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump su questa base logica, ha supplicato un aiuto cinese alternando minacce di provvedimenti per un impegno maggiore. Allo stesso modo, i policymakers hanno ipotizzato che un collasso o un conflitto con gli Stati Uniti della Corea del Nord, avrebbe spinto la Cina a sostenere il suo caro cliente da lontano e a schierare le sue truppe lungo il confine per impedire che una crisi umanitaria la coinvolgesse.

Ma questa teoria è pericolosamente obsoleta. Negli ultimi due decenni, le relazioni Cina-Corea del Nord sono peggiorate drasticamente dietro le quinte, poiché la Cina è stanca dell’insolente vicino e ha rivalutato i propri interessi sulla penisola. Oggi la Cina non è più legata alla sopravvivenza della Corea del Nord. In caso di un conflitto o del collasso del regime, le forze cinesi interverrebbero in misura non prevista in precedenza, non per proteggere il presunto alleato di Pechino, ma per tutelare i propri interessi.

Nell’attuale ciclo di provocazione e di escalation, capire dove si regge realmente la Cina nella Corea del Nord non è un esercizio accademico. Lo scorso luglio, la Corea del Nord ha testato con successo un missile balistico intercontinentale in grado di raggiungere la costa occidentale statunitense. E a settembre, ha fatto esplodere una bomba all’idrogeno 17 volte più potente di quella lanciata su Hiroshima. La retorica americana, nel frattempo, ha infiammato la situazione. Trump ha preso in giro il leader nordcoreano Kim Jong Un definito “Little Rocket Man”, ha minacciato la Corea del Nord dicendo che “non sarà ancora per molto tra i piedi” e ha annunciato che “le soluzioni militari sono ora completamente a posto, bloccate e caricate”. Con queste minacce, gli Stati Uniti hanno portato i loro bombardieri a lunga gittata e le loro navi militari vicino alla Corea del Nord.

La reale possibilità del caos sulla penisola significa per gli Stati Uniti che è necessario aggiornare il loro approccio sui moventi di Pechino. Nel caso di un’escalation, la Cina probabilmente cercherà di impadronirsi dei punti chiave, compresi i siti nucleari della Corea del Nord. La presenza su vasta scala di truppe americane e cinesi nella penisola coreana solleverebbe il rischio di una guerra in piena regola tra la Cina e gli Stati Uniti, cosa che nessuna delle due parti vuole. Ma viste le deboli relazioni di Pechino con Pyongyang e le preoccupazioni cinesi riguardo al programma nucleare della Corea del Nord, le due grandi potenze potrebbero trovare un terreno comune sorprendente. Con un po’ di lungimiranza, gli Stati Uniti potrebbero ridurre il rischio di un conflitto accidentale e sfruttare il coinvolgimento cinese per ridurre i costi e la durata di una seconda guerra coreana.

AGGIORNARE I DATI

A differenza di quello che la saggezza convenzionale possa pensare, la Cina non è disposta a spingere la Corea del Nord a denuclearizzarsi a causa delle sue stesse insicurezze. Questo pensiero si basa su tre presupposti: che Cina e Corea del Nord sono alleati, che la Cina teme l’instabilità della penisola e il problema dei rifugiati che ne può risultare, e che Pechino ha bisogno che la Corea del Nord sopravviva come stato cuscinetto tra la Cina e la Corea del Sud, un alleato chiave degli Stati Uniti. Queste ipotesi erano vere 20 anni fa, ma da allora le visioni di Pechino si sono evolute in modo significativo.

Xi a Pechino, ottobre 2015

Xi a Pechino, ottobre 2015

La Cina e la Corea del Nord hanno goduto a lungo di una vicinanza nata dalla reciproca dipendenza. Appena un anno dopo la nascita della Repubblica popolare cinese, Pechino venne in aiuto del suo vicino comunista alle prime armi durante la guerra di Corea. Per prevenire la futura “aggressione” contro Pyongyang, i due firmarono un patto di mutua difesa nel 1961. E quando la fine della Guerra Fredda depredò la Corea del Nord del suo benefattore sovietico, Pechino intervenne per fornire assistenza economica e militare. Ma oggi, la Cina e la Corea del Nord difficilmente possono essere caratterizzati come amici, per non parlare degli alleati. Il presidente cinese Xi Jinping non ha mai nemmeno incontrato Kim e, secondo gli studiosi cinesi con accesso governativo o legami con il Partito comunista cinese, disprezza il regime nordcoreano. La voce nei circoli di politica estera cinese è che persino l’ambasciatore cinese a Pyongyang non ha incontrato Kim.

Xi ha dichiarato pubblicamente che il trattato del 1961 non si applicherà se la Corea del Nord provoca un conflitto, uno standard facilmente raggiunto. Nei miei viaggi in Cina negli ultimi dieci anni per discutere della questione nordcoreana con accademici, responsabili politici e funzionari militari, nessuno ha mai sollevato il trattato o l’obbligo cinese di difendere la Corea del Nord. Invece, i miei colleghi cinesi [] raccontano del deterioramento della relazione e degli sforzi di Pechino nel prendere le distanze da Pyongyang, un cambiamento che suggerisce che un sondaggio di opinione pubblica del Global Times suggerisce un ampio sostegno. Come ha sostenuto lo studioso cinese Zhu Feng in Foreign Affairs, rinunciare alla Corea del Nord sarebbe popolare a livello nazionale e strategicamente concreto.

In effetti, le relazioni bilaterali sono diventate così gravi che gli ufficiali dell’Esercito popolare di liberazione (PLA) mi hanno suggerito in riunioni private che Pechino e Pyongyang potrebbero non prendere la stessa parte in caso di una nuova guerra coreana. I militari cinesi presumono che saranno contrari a sostenere le truppe nordcoreane. La Cina si sarebbe impegnata non a difendere il regime di Kim, ma a modellare una penisola post-Kim a suo piacimento.

Queste politiche si sono mosse di pari passo alla crescente fiducia della Cina sulle sue capacità e sull’influenza regionale. La filosofia cinese non è più dominata dalla paura dell’instabilità coreana e dalla conseguente crisi dei rifugiati. La pianificazione di emergenza del PLA si era precedentemente concentrata sulla chiusura del confine o sulla creazione di una zona cuscinetto per trattare con i rifugiati. In effetti, per decenni, probabilmente tutte le forze cinesi potevano sperare di ottenere. Ma negli ultimi 20 anni, l’esercito cinese si è evoluto in una forza molto più sofisticata modernizzando le sue attrezzature e riformando la sua struttura organizzativa. Di conseguenza, la Cina ora ha la capacità di gestire simultaneamente l’instabilità ai suoi confini e condurre importanti operazioni militari sulla penisola.

Se il regime di Kim crollasse, la Polizia armata popolare, che ha circa 50.000 persone nelle province nord-orientali della Cina, sarebbe probabilmente incaricata di proteggere il confine e gestire l’afflusso previsto di rifugiati nordcoreani, liberando il PLA per operazioni di combattimento più a sud. La Cina ha attualmente tre “gruppi armati” nel Northern Theatre Command, uno dei cinque comandi teatrali del PLA, che confina con la Corea del Nord. Ognuno di questi eserciti è composto da 45.000 a 60.000 soldati, oltre alle brigate dell’esercito e delle forze speciali. E se fosse necessario, la Cina potrebbe anche estrarre le forze dal suo Central Theater Command e mobilitare l’aviazione in modo più esteso. Quando la Cina riorganizzò le sue regioni militari in “zone di guerra” nel febbraio 2016, incorporò la provincia dello Shandong nel suo Northern Theater Command, anche se non è contiguo al resto del comando, molto probabilmente perché i leader militari richiederebbero l’accesso al litorale per schierare le forze in Corea del Nord via mare. Gli ultimi due decenni di modernizzazione e riforma militare, insieme ai vantaggi geografici della Cina, hanno assicurato che l’esercito cinese sarebbe stato in grado di occupare rapidamente gran parte della Corea del Nord, prima che i rinforzi USA potessero schierarsi in Corea del Sud per prepararsi ad un attacco.

Kim saluta in Pyongyang, Luglio 2013

In passato, parte di ciò che spiegava l’attaccamento della Cina alla Corea del Nord era l’idea che quest’ultimo servisse da cuscinetto tra la Cina e un tempo capitalista ostile, e successivamente democratico, la Corea del Sud. Ma l’accresciuta potenza e il peso della Cina hanno completamente eliminato quella logica. Pechino potrebbe essere stata in precedenza diffidente nei confronti di una Corea riunificata guidata da Seoul, ma non più. Alcuni eminenti studiosi cinesi hanno iniziato a sostenere l’abbandono di Pyongyang in favore di una migliore relazione con Seoul. Anche Xi è stato sorprendentemente esplicito sul suo sostegno alla riunificazione coreana a lungo termine, anche se attraverso un processo di pace incrementale. In un discorso del luglio 2014 all’Università Nazionale di Seoul, Xi ha affermato che “la Cina spera che entrambe le parti della penisola miglioreranno le loro relazioni e sosterranno l’eventuale realizzazione di una riunificazione indipendente e pacifica della penisola”.

Tuttavia, il calcolo cinese sulla Corea del Sud non è completamente cambiato. L’entusiasmo per la riunificazione ha raggiunto il picco tra il 2013 e il 2015, quando il presidente della Corea del Sud Park Geun-hye ha dato la priorità alle relazioni bilaterali con Pechino. Ma dopo un test nucleare all’inizio del 2016 da parte della Corea del Nord, Seoul ha rafforzato la sua alleanza con Washington e ha accettato di dispiegare il THAAD, un sistema di difesa contro i missili balistici, causando costernazione tra i funzionari cinesi che il loro fascino offensivo non stava ottenendo abbastanza trazione. La principale preoccupazione della Cina rimane la prospettiva delle forze statunitensi in una Corea riunificata. Anche se la Cina sostiene ancora la riunificazione della Corea, vuole anche modellarne i termini. E il suo approccio dipenderà probabilmente dallo stato delle sue relazioni bilaterali con la Corea del Sud.

CHE COSA VUOLE REALMENTE LA CINA

Dati i costi di una guerra nella penisola coreana, i pianificatori statunitensi hanno a lungo pensato che la Cina avrebbe fatto tutto il possibile per evitare di impigliarsi in una grande conflagrazione che coinvolgesse le forze sudcoreane e statunitensi. Un intervento della Cina avrebbe portato i politici a presumere che Pechino avrebbe limitato il suo ruolo nella gestione dei rifugiati vicino al confine o sostenendo il regime di Kim da una distanza attraverso aiuti politici, economici e militari. Ad ogni modo, Washington riteneva che il ruolo della Cina non avrebbe avuto un impatto significativo sulle operazioni statunitensi.

Questo non è più un presupposto sicuro. Invece, Washington deve riconoscere che la Cina interverrà estensivamente e militarmente sulla penisola se gli Stati Uniti sembrano pronti a spostare le proprie forze verso nord. Questo non vuol dire che la Cina intraprenderà un’azione preventiva. Pechino cercherà ancora di impedire a entrambe le parti di condurre tutti sulla via della guerra. Inoltre, se un conseguente conflitto fosse limitato a uno scambio di missili e attacchi aerei, la Cina sarebbe probabilmente rimasta fuori. Ma se i suoi tentativi di dissuadere gli Stati Uniti dall’escalation della crisi a una grande guerra fallita, Pechino non esiterebbe a inviare considerevoli forze cinesi nella Corea del Nord per garantire che i suoi interessi fossero presi in considerazione durante e dopo la guerra.

La probabile determinazione strategica della Cina in una guerra coreana sarebbe guidata in gran parte dalle preoccupazioni per l’arsenale nucleare del regime di Kim, un interesse che costringerebbe le forze cinesi ad intervenire precocemente per ottenere il controllo sugli impianti nucleari della Corea del Nord. Nelle parole di Shen Zhihua, un esperto cinese sulla Corea del Nord, “Se una bomba nucleare coreana esplodesse, chi sarà la vittima della fuga nucleare e delle ricadute? Sarebbe la Cina e la Corea del Sud. Il Giappone è separato da un mare e gli Stati Uniti sono separati dall’Oceano Pacifico “.

La Cina è ben posizionata ad affrontare la minaccia. Sulla base delle informazioni fornite dalla Nuclear Threat Initiative, un’organizzazione no-profit statunitense, se le forze cinesi si spostassero per 100 chilometri (circa 60 miglia) attraverso il confine verso la Corea del Nord, controllerebbero il territorio che contiene tutti i siti nucleari con la priorità più alta del paese e due terzi di i suoi siti missilistici con la priorità più alta. Per i leader cinesi, l’obiettivo sarebbe quello di evitare la diffusione della contaminazione nucleare, e sperano che la presenza di truppe cinesi in queste strutture possa prevenire una serie di scenari spaventosi: la Cina potrebbe prevenire incidenti negli impianti; dissuadere gli Stati Uniti, la Corea del Sud o il Giappone dallo sciopero; e impedisci ai nordcoreani di usare o sabotare le loro armi.

Pechino è anche preoccupata che una Corea riunificata possa ereditare le capacità nucleari del Nord. I miei interlocutori cinesi sembravano convinti che la Corea del Sud voglia armi nucleari e che gli Stati Uniti sostengano quelle ambizioni. Temono che se il regime di Kim cadrà, l’esercito sudcoreano si impadronirà dei siti e dei materiali nucleari del Nord, con o senza la benedizione di Washington. Sebbene questa preoccupazione possa sembrare inverosimile, l’idea di andare al nucleare ha guadagnato popolarità a Seul. E il principale partito di opposizione ha chiesto agli Stati Uniti di ridistribuire le armi nucleari tattiche nella penisola, un’opzione che l’amministrazione Trump è stata riluttante a escludere .

Al di là delle preoccupazioni sul nucleare, la posizione della Cina sulla Corea del Nord si è spostata come parte della sua più generale asserzione geopolitica sotto Xi. A differenza dei suoi predecessori, Xi non è timido riguardo alle grandi ambizioni della Cina. In un discorso di tre ore e mezza pronunciato in ottobre, ha descritto la Cina come “un paese forte” o “un grande paese” 26 volte. Questo è ben lontano dal detto che uno dei suoi predecessori, Deng Xiaoping, preferiva: “Nascondi le tue forze, aspetta il tuo tempo”. Sotto Xi, la Cina sta sempre più assumendo il ruolo di una grande potenza, e ha spinto per le riforme militari per garantire che il PLA possa combattere e vincere guerre future.

Più importante, una guerra nella penisola coreana rappresenterebbe una cartina di tornasole della competizione regionale della Cina con gli Stati Uniti. In effetti, le preoccupazioni cinesi circa l’influenza futura di Washington spiegano meglio perché la Cina non è disposta a spingere la Corea del Nord nella misura in cui l’amministrazione Trump vuole. La Cina non rischierà l’instabilità o la guerra se il risultato potrebbe essere un ruolo più ampio degli Stati Uniti nella regione. Detto questo, la Cina non si sente più a suo agio seduta ai margini. Come un ufficiale del PLA mi ha chiesto, “Perché gli Stati Uniti dovrebbero esserci ma non noi?” Per questa ragione, solo studiosi cinesi e leader militari sostengono che la Cina dovrà essere coinvolta in qualsiasi contingenza sulla penisola.

Soldatesse nordcoreane pattugliano lungo le rive del fiume Yalu, vicino alla città nordcoreana di Sinuiju

LAVORARE INSIEME

La linea di fondo, quindi, è che Washington dovrebbe assumere che qualsiasi conflitto coreano che coinvolga operazioni militari su larga scala innescherà un significativo intervento militare cinese. Ciò non significa che gli Stati Uniti dovrebbero cercare di dissuadere la Cina: una tale risposta quasi certamente fallirebbe e aumenterebbe le possibilità di uno scontro militare diretto tra le forze cinesi e statunitensi. Le mosse che potrebbero danneggiare il rapporto tra Pechino e Washington ostacolerebbero anche la pianificazione o il coordinamento delle contingenze prima e durante una crisi, aumentando i rischi di errori di calcolo.

Invece, Washington deve riconoscere che alcune forme di intervento cinese sarebbero effettivamente vantaggiose per i suoi interessi, specialmente per quanto riguarda la non proliferazione. In primo luogo, i funzionari statunitensi dovrebbero notare che le forze cinesi probabilmente arriveranno nei siti nucleari della Corea del Nord molto prima delle forze statunitensi, grazie ai vantaggi in termini di geografia, forza fisica, manodopera e accesso agli indicatori di allarme precoce. Questa è una buona cosa, dal momento che ridurrebbe la probabilità che il regime al collasso di Pyongyang utilizzi armi nucleari contro gli Stati Uniti o i loro alleati. La Cina potrebbe anche dimostrarsi utile identificando i siti nucleari (con l’assistenza dell’intelligence statunitense), assicurando e tenendo conto del materiale nucleare in quei siti, e infine invitando esperti internazionali a smantellare le armi.

Nel frattempo, più di ogni altra cosa, i politici statunitensi devono cambiare mentalità per considerare il coinvolgimento della Cina come un’opportunità anziché come un limite alle operazioni statunitensi. Ad esempio, l’esercito americano e i marines devono accettare che, sebbene la sicurezza degli impianti nucleari sia attualmente una missione chiave in Corea del Nord in caso di conflitto, essi dovranno cambiare i loro piani se i cinesi arrivassero per primi.

A livello politico, Washington deve essere disposta a correre rischi maggiori per migliorare il coordinamento con la Cina in tempo di pace. Ciò potrebbe significare una consultazione bilaterale con Pechino, anche se ciò sarebbe in conflitto con la preferenza di Seoul di tenere la Cina a distanza nel mercato. Certo, una condivisione d’intelligence con la Cina nel pianificare e addestrare congiuntamente le contingenze sembrerebbe innaturale, dal momento che gli Stati Uniti sono contemporaneamente impegnati in una competizione strategica a lungo termine con la Cina. Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti considera la Cina una delle sue prime cinque minacce globali, insieme a Iran, Corea del Nord, Russia e organizzazioni estremiste. Ma le sfide strategiche e le gravi minacce spesso mettono in contatto potenziali avversari. Con la Corea del Nord di mezzo, gli Stati Uniti avrebbero più risorse a disposizione per affrontare altre minacce.

Certamente, un tale sforzo di cooperazione richiederebbe un grado elevato di coordinamento. La Cina si è a lungo opposta alle discussioni con gli Stati Uniti su come si sarebbe comportata in caso di un conflitto nella penisola coreana o nel crollo del regime nordcoreano a causa della sua sfiducia nei confronti delle intenzioni degli Stati Uniti e dei timori che Washington avrebbe usato quelle conversazioni per sabotare Pechino tenta di risolvere pacificamente la crisi nucleare. Ma la Cina sembra attenuare la sua posizione. In un op-editor di settembre nel Forum per l’Asia orientale Jia Qingguo, professore all’Università di Pechino, ha affermato che la Cina dovrebbe cooperare con gli Stati Uniti e la Corea del Sud, in particolare sulla questione dell’arsenale delle armi nucleari della Corea del Nord. Nelle parole di Jia, “I presagi di guerra nella penisola coreana appaiono più grandi di giorno in giorno. Quando la guerra diventerà una possibilità reale, la Cina dovrà essere preparata. E con questo in mente, la Cina deve essere più propensa a considerare i colloqui con i paesi interessati sui piani di emergenza “.

Se Pechino continua a resistere alle proposte per lavorare insieme, Washington dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di comunicare unilateralmente gli aspetti dei piani di emergenza degli Stati Uniti per ridurre il rischio di scontri accidentali. Potrebbe persino fornire al lato cinese l’intelligence per aiutare il PLA a proteggere le più importanti strutture nucleari. In alternativa, i due paesi potrebbero utilizzare meccanismi stabiliti per la cooperazione in materia di sicurezza nucleare nel settore civile, come il Centro di eccellenza sulla sicurezza nucleare istituito congiuntamente o organizzazioni come l’Agenzia internazionale per l’energia atomica per condurre una formazione tecnica. Nessun paese ha più esperienza nello smantellare e proteggere le armi nucleari degli Stati Uniti. Sebbene la Cina abbia la manodopera per impossessarsi del controllo dei siti, non è chiaro se abbia le competenze necessarie per rendere sicuri, i trasporti, o distruggi armi nucleari e materiale. La condivisione delle migliori pratiche contribuirebbe a garantire che la Cina possa gestire in sicurezza ciò che troverà in questi siti.

Ogni strategia ha i suoi compromessi. Coordinare o concedere il coinvolgimento cinese in una contingenza coreana ha un certo numero di aspetti negativi, come i critici sono tenuti a sottolineare. Per cominciare, i sudcoreani si oppongono completamente all’idea di un coinvolgimento cinese sulla penisola, per non parlare degli stivali cinesi sul terreno. Le mosse degli Stati Uniti per coordinare gli sforzi con la Cina danneggerebbero le relazioni degli Stati Uniti con Seoul , anche se il vantaggio di gestire la scomparsa della Corea del Nord a un costo inferiore sarebbe valsa la pena.

Potenzialmente più preoccupante è il fatto che l’intervento cinese nella Corea del Nord comporterebbe la perdita di qualche influenza degli Stati Uniti sull’insula della penna. A un livello fondamentale, la Cina agirà non per aiutare gli Stati Uniti ma per assicurare che una Corea riunificata non escluda le truppe statunitensi. Ma potrebbe non essere così male, dopo tutto. In franche discussioni, gli interlocutori cinesi hanno insinuato che Pechino potrebbe ancora aderire a un’alleanza degli Stati Uniti con una Corea riunificata. In tal caso, la fine di una presenza militare statunitense permanente nella penisola sarebbe un prezzo ragionevole da pagare per garantire che una seconda guerra coreana avesse il miglior risultato possibile.


[Traduzione e sintesi di Roberto Del Latte. Articolo originale di per Foreign Affair qui ]

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cronache dei Figli Cambiati

Liberi e Uguali. Agli altri?

Liberi e Uguali. Agli altri?

Lo scorso 3 Dicembre il travagliato processo riorganizzativo delle principali forze politiche italiane alla sinistra del PD è giunto ad un’apparente conclusione, con buona pace dei disegni ecumenici dell’ex sindaco meneghino Pisapia, liquidati (a buon diritto) per il palese anacronismo sotteso alla riproposizione di un baraccone litigioso come il centrosinistra del passato quindicennio, forzosamente unito da nient’altro se non la volontà di blandire le aspirazioni maggioritarie e bipolaristiche dell’elettorato italiano.

La medesima sorte è toccata al “percorso del Brancaccio”: il progetto politico lanciato da Anna Falcone e Tomaso Montanari, spinti dal desiderio di coagulare intorno ad uno stabile nucleo le forze progressiste espresse dal variegato fronte del No al referendum costituzionale di cui si è da poco celebrato il primo anniversario (per modo di dire: e la rimozione dal dibattito pubblico di quell’importante consultazione, sin dal giorno ad essa immediatamente successivo, dovrebbe far riflettere sulla genuinità dell’entusiasmo che in buona fede si è pensato di poter incanalare in un movimento), si è spento nel silenzio, senza per vero essere mai riuscito a decollare.

A celebrare il funerale di queste progettualità, prendendone il posto come referente mainstream del mondo progressista italiano, è stato il movimento Liberi e Uguali, lanciato in quella fredda Domenica di inizio di un rigido inverno, destinato ad essere scaldato da una campagna elettorale che si preannuncia infuocata come anni di bipolarismo annacquato ci hanno portato a dimenticare essere possibile, da Sinistra Italiana, Possibile e Movimento Democratico e Progressista. Gli ex-SEL e le due ondate dei fuoriusciti PD, semplificando all’estremo la storia ben più nobile ed articolata delle formazioni confluite in LeU, dopo un flirt durato più di un mese a causa delle (giustificate, ad avviso di chi scrive) diffidenze di SI e Possibile, già unite da significative collaborazioni a livello parlamentare, nei confronti di Mdp, hanno finalmente deciso di coalizzarsi in vista delle elezioni politiche della primavera del 2018. Contestualmente, la neonata coalizione ha espresso come proprio candidato premier Pietro Grasso, ex Procuratore Nazionale Antimafia ed attuale Presidente del Senato, per l’occasione uscito a sua volta da un Partito Democratico in preda ad una vera e propria emorragia causata dalla sempre più vistosa appropriazione personalistica renziana; emorragia che, ad onor del vero, fa sorgere più di un dubbio sulla buona fede di Grasso, mai espostosi più di tanto nei malumori interni al PD (certamente complice il suo ingombrante ruolo di seconda carica dello Stato) e che con una punta di malizia potrebbe essere tacciato di aver fiutato una maggiore convenienza portata dal novello vento spirante a sinistra.

Da sinistra verso destra: Roberto Speranza; Pietro Grasso; Pippo Civati; Nicola Fratoianni

Da sinistra verso destra: Roberto Speranza; Pietro Grasso; Pippo Civati; Nicola Fratoianni

A prescindere dalla lettura data alla mossa del Presidente del Senato, LeU pone all’elettore di sinistra una serie di interrogativi dalla soluzione non propriamente agevole. È bene chiarirlo fin da sùbito: chi scrive nutre fortissime perplessità nei confronti della scelta unitaria, non tanto in sé considerata quanto in rapporto alle sue concrete modalità attuative.

Se l’impostazione di Pisapia (e di Bersani, Prodi e D’Alema prima di lui), a vocazione maggioritaria ed artificiosa nel suo voler tenere insieme una galassia composita ed incomponibile, rappresentava il modo sbagliato di superare la storica frammentazione delle forze di sinistra (o pretesa tale, in più di un caso) l’idea di radunare attorno ad un programma condiviso, genuinamente laico, redistributivo ed antiliberista, tutte e solamente le forze in grado di rispecchiarvisi, quale il progetto ventilato negli ultimi mesi dagli esponenti di SI-Possibile-Mdp, non poteva che incontrare, sul piano teorico, il favore di quanti fossero pesantemente angosciati da uno scenario politico incapace di esprimere opinioni critiche nei confronti dello status quo se non in senso beceramente destrorso.

Sul piano teorico, si è detto: per le ragioni che si tenterà brevemente di tratteggiare, la neonata coalizione sembra atteggiarsi, sul piano pratico, a mero moltiplicatore del peso della sua anima più stantia e compromessa con l’ideologia dominante, Mdp, a tutto discapito di Sinistra Italiana e Possibile, entrambi partiti che, seppur secondo strategie diverse e non sempre condivisibili, nel passato biennio erano riusciti a ritagliarsi significativi spazi di originalità ed appetibilità elettorale nel mondo della sinistra.

IL METODO

Il Presidente del Senato Pietro Grasso

Preliminari considerazioni vanno svolte sul modus operandi prescelto dalle forze politiche in questione per dare vita al progetto condiviso.

Ad un’impressione superficiale, quale non può che essere quella che si può trarre dai primi ed incerti passi fatti dalla neonata formazione nelle sue poche settimane di vita, la nuova coalizione sembra essere viziata da un’impostazione leaderistica di stampo berlusconiano. Questa malattia della vita politica italiana nell’ultimo quarto di secolo, di cui il recente centrosinistra (probabilmente suo unico pregio!) era riuscito a dimostrarsi portatore sano, cedendo sì alle lusinghe di un’opinione pubblica addestrata ad accodarsi a figure individuali più che ad aderire ad ideali e valori, ma contemperandole col periodico ricambio dei leader presidiato dalle primarie (in realtà più uno scotto da pagare all’esasperato correntismo che lo caratterizzava, che una cosciente scelta politica) sembra non aver risparmiato LeU, apparentemente nato intorno alla personalità di Grasso, senza dare luogo all’imprescindibile opera di sintesi di istanze e visioni del mondo che dovrebbe precedere simili opzioni politiche.

Questo vizio genetico sembra confermato, da un lato, dal cedimento all’odiosa prassi di inserire il nome del candidato premier nel simbolo della coalizione, sintomatica appunto di una precedenza del leader sul contenuto favorita in tutti i modi dalla recente cultura politica deideologizzata italiana, e dalla stessa legislazione elettorale dal Porcellum in poi in cui essa si è tradotta; dall’altro, dalla fortunatamente avvertita necessità di far seguire ad uno sposalizio prematuro ed affrettato dall’angosciante approssimarsi della consultazione primaverile una serie di “Assemblee nazionali tematiche” aperte, tenutesi in questi giorni inter alia a Genova, Brescia, Roma, nel contesto delle quali elaborare, con un apprezzabile sforzo di democrazia interna (irrobustita dai contributi della società civile e di ogni interessato) le linee programmatiche sulla cui base redigere il venturo programma elettorale.

Una simile pratica rappresenta certamente una preziosa occasione per permettere un maturo interscambio fra le tre anime di LeU (sempre ammesso che agli sforzi della base sia dato corso effettivo in sede di Assemblea nazionale, che a Gennaio sarà chiamata ad approvare definitivamente il programma), ma è innegabilmente sintomatica, nel suo essere intervenuta successivamente alla nascita della formazione, del segnalato deficit identitario della stessa. Di più: la stessa scelta di gareggiare insieme prima di aver deciso il tragitto della corsa rischia di portare ad insoddisfacenti compromessi posticci fra posizioni in realtà inconciliabili, ma non adeguatamente concettualizzate ex ante, e/o a perdere pezzi importanti fra gli indisponibili ad una simile mediazione, privando di significato la stessa scelta unitaria.

IL CONTENUTO

Le vere note dolenti, però, provengono dalle finora scarse, in ragione dell’essere l’iter di elaborazione dell’identità di LeU ancora in fieri, esternazioni contenutistiche provenute dal neonato soggetto politico.

La sintesi del patriottismo costituzionale di Sinistra Italiana, del postmodernismo welfaristico e cosmopolita di Possibile e del riformismo moderato di Mdp sembra, come anticipato, tutto sbilanciato a favore di quest’ultima componente, con l’effetto di depotenziare la freschezza che aveva caratterizzato il laboratorio politico targato SI-Possibile degli ultimi tempi, lanciatosi nella difficile opera di affrancamento dalla castratura blairiana e neoliberista inflitta alla sinistra occidentale dal crollo del “socialismo reale” e dall’ubriacatura della globalizzazione del capitale degli ultimi cinque lustri. Questo sbilanciamento, di cui è emblematica la stessa scelta di Grasso come denominatore comune (non potendosi certo ritenere il Presidente del Senato, con la sua storia personale lodevole, ma obbligata dalla carriera in magistratura a non esporsi politicamente, emblema di militanza di una sinistra “radicale” – etichetta incomprensibilmente affibbiata a LeU da Matteo Renzi), si impone prepotentemente agli occhi del lettore della prolusione con cui Grasso ha lanciato il progetto davanti alla gremita platea composta di delegati di SI, Possibile e Mdp accorsi all’Atlantico Live di Roma per l’occasione.

Pur con tutti i limiti intrinseci ad un discorso poco più che programmatico, intervenuto, come segnalato, prima che si formasse un effettivo consenso sui temi elettorali, quanto detto da Grasso non sembra andare al di là di una generica e retorica professione di fede in un non meglio specificato progressismo, infarcito di valori  certamente condivisibili quali l’attenzione per il welfare e per il mondo del lavoro, ma non in grado di indicare le strade concrete per la loro realizzazione. Parole come: «Ricuciremo i lembi di questa nostra comunità, ferita dagli anni di crisi e sempre più frenata dal pensiero che “tanto siamo in Italia, le cose vanno così”. Io non posso accettare di vivere in un Paese che mette i giovani contro gli anziani, che butta via il capitale umano di migliaia di persone facendole sentire inutili, che litiga tra nord e sud, tra poveri e più poveri, che obbliga a scegliere tra lavoro e salute, che ancora non riconosce la possibilità di decidere, in scienza e coscienza, quando le cure si trasformano in sofferenza, in accanimento terapeutico.» sono certamente importanti dichiarazioni di principio che testimoniano un’attenzione tanto per i diritti civili, quanto per i diritti sociali, troppo spesso concepiti come non cumulabili o addirittura contraddittori, che non può mancare in una forza di sinistra; ma siamo sicuri che non avrebbero potuto essere esternate, senza differenze di rilievo, da un Renzi qualsiasi, tanto più dopo il presunto revirement di Bergoglio in tema di accanimento terapeutico (pretestuosamente celebrato dalla stampa progressista come una rivoluzione copernicana in realtà mai verificatasi, come fin troppo spesso accade con le parole del Pontefice) che ha, se non altro, finalmente permesso al PD di superare certe proprie storiche incertezze in campo bioetico, sottraendo però alle forze alla sua sinistra la stessa possibilità di rivendicare originalità rispetto a questi temi?

Logo Possibile e Sinistra Italiana

Il vero aspetto problematico, in ogni caso, non è tanto la natura puramente retorica del discorso di Grasso (lo si ripete per l’ennesima volta, inevitabile alla luce del processo genetico di LeU), quanto piuttosto una verifica dei campi semantici ai quali tale retorica è stata applicata; ed è tale opera che consente di rilevare come Sinistra Italiana e Possibile siano stati enormemente ridimensionati, quanto a peso politico interno, nell’opera di fusione.

È proprio Sinistra Italiana a risultare l’anima forse più pregiudicata dalle nozze con le altre forze. Il partito aveva, nell’ultimo anno, intrapreso un’intensa attività politica e culturale di severa ed olistica critica all’Unione Europea, mettendone in luce il cuore pulsante neoliberista con una battaglia, snodatasi attraverso dibattiti parlamentari, convegni e pubblicazioni, più contro la complessiva ispirazione eurounitaria che contro i suoi esiti specifici e contingenti, a favore di rivendicazioni sovraniste giustificate dall’indubbio, maggiore progressismo dei valori sociali incarnati dalle Costituzioni europee nate dall’unità antifascista nell’immediato dopoguerra rispetto allo sterile liberismo dei Trattati europei. Questa attività, pur non condivisibile negli accenti eccessivamente patriottici ed ambigua sotto il profilo delle soluzioni concrete (apparentemente più tesa a sancire la fine del progetto europeo a favore di un irrealizzabile rafforzamento dello Stato nazionale che a far penetrare princìpi solidaristici nell’architettura UE), aveva l’indiscutibile merito di colmare l’enorme vuoto di discorsi politici lasciato dalla sinistra “classica” sul problema, nel quale si insinuavano e continuano ad insinuarsi beceri populismi neonazionalisti (qui mie riflessioni più approfondite sul tema).

Ebbene, nel discorso di Grasso non vi è traccia alcuna della stimolante battaglia condotta in questi mesi dagli esponenti di SI, con Stefano Fassina in testa. L’unico passaggio nel quale il problema UE venga “affrontato” (le virgolette sono d’obbligo) è il seguente: «Siamo perfettamente consapevoli che l’Italia non potrà avere un futuro fuori dall’Unione Europea, con convinzione e senza tentennamenti.» Ferma la doverosa impostazione fondo, lo scarno periodo nulla fa se non lanciare un ammonimento alle frange più sovraniste di SI, senza, però, concettualizzare debitamente l’indubbio problema rappresentato dalle politiche europee dal 1957 ad oggi, che hanno inferto colpi mortali alle opposte politiche welfaristiche e redistributive degli Stati membri. L’apparente abbandono dell’impostazione Mélenchoniana di SI rischia di tramutarsi in un clamoroso passo falso, una rinuncia ai propri più marcati tratti di originalità tale da alienare più di una simpatia elettorale e, ancora peggio, far perdere alla Sinistra il suo l’appuntamento con la Storia – Storia che, ad oggi, va sotto il nome di globalizzazione.

Discorso analogo va fatto per i tratti qualificanti di Possibile, sin dalla sua nascita in prima linea nelle campagne per i diritti civili – quelli della comunità LGBT e la legalizzazione delle droghe leggere su tutti – e nelle battaglie di civiltà sulla questione migratoria. L’ex magistrato non affronta di petto questi temi, attestandosi ancora una volta su riferimenti retorici che nulla dicono sulle modalità con cui i problemi, segnalati come nuclei dell’azione futura di LeU, andranno affrontati («Difendere i diritti», «Una vera parità di genere» – sorvolo volutamente sulla stucchevole e pretestuosa polemica sulle “foglioline” -, «Grandi migrazioni»: quali diritti? Come raggiungere la parità? Migrazioni incoraggiate, contenute o avversate? La questione della cittadinanza?).

Assenti i contenuti, resta una pomposa retorica totalmente inidonea a distinguere la nuova formazione dal PD e, per certi versi, dallo stesso M5S, a loro volta sempre pronti a presentarsi progressisti e solidaristici ad un’opinione pubblica che sanno essere orientata in questo senso nonostante inquietanti recrudescenze reazionarie e neoconservatrici, salvo puntualmente tradirne le aspettative in sede concreta. Le stesse assemblee tematiche, quantomeno a giudicarle dai temi prescelti, sembrano a tratti conservare questa forma mentis: nessuna di esse è stata esplicitamente dedicata al nodo dell’Unione Europea, anche se è ragionevole attendersi che significativi spazi di discussione sul tema siano stati ritagliati, ad esempio, nell’assemblea genovese su “Welfare e Lavoro”, alla quale, non a caso, ha partecipato l’agguerrito Fassina. Lattitudine complessiva sembra, dunque, essere quella di Mdp, un movimento da sùbito dotatosi di una base in indubbia buona fede e desiderosa di rompere con la scoperta destrificazione del PD, ma che sinora, quantomeno al livello dirigenziale, non ha saputo connotare le proprie proposte in senso genuinamente sociale, dando a più riprese l’impressione di aver proceduto alla scissione più per questioni di calcolo elettorale che per un’effettiva rivalutazione della tradizione del socialismo e del comunismo europei, confinata al linguaggio dei comizi e non adeguatamente sistematizzata a livello ideologico.

LA SPERANZA

Quanto precede è un quadro estremamente parziale, composto più di impressioni a caldo tratte dai primi passi di un non facile percorso, influenzate emotivamente dalla delusione discendente da un’apparente prevalenza di preoccupazioni elettorali di breve periodo (non si spiegano altrimenti le ambiguità segnalate e il complessivo messaggio moderato e centrista pervenuto ad oggi) sul recupero di un’identità, prima di tutto culturale, di una sinistra smarrita che faticosamente aveva iniziato un proprio ripensamento anche nelle sede istituzionali.

Ci sono però, in esse, considerevoli margini di errore.

La campagna elettorale è appena iniziata, e il necessario riempimento contenutistico che ciò comporterà potrà smentire queste impressioni, anche alla luce delle prime avvisaglie di malumori interni che le attuali incertezze e titubanze hanno già prodotto (è recente la notizia di prime, massicce defezioni all’interno di Sinistra Italiana, che si conferma così, ancora una volta, la componente più sacrificata nel progetto di Grasso, anche nella percezione dei propri militanti) con cui si dovrà fare i conti, definendo in maniera più netta l’identità del nuovo soggetto. L’esplicita critica di moderatismo ed inautenticità rivolta a LeU da Potere al Popolo, interessantissima realtà di movimento (di recente formalizzatasi definitivamente) in grado di unire sotto un’unica bandiera una pluralità di attori ben a sinistra della lista di Grasso e potenziale bacino di raccolta per i delusi di questa, andrà fronteggiata, chiarendo esplicitamente il quadro valoriale di riferimento. Le assemblee tematiche e le linee programmatiche da esse redatte, al momento della scrittura di questo articolo purtroppo non ancora rese pubbliche, così che risulta impossibile valutarne i contenuti, avranno un indubbio effetto benefico sulla definizione del programma (chi scrive ha partecipato all’incontro “Diritti e cittadinanze”, tastando di prima mano l’entusiasmo suscitato nella base dal progetto unitario ed ottenendo ulteriore conferma dell’indubbio spessore di molti componenti delle formazioni coinvolte), che attraverso questo canale potrà beneficiare delle energie di militanti e simpatizzanti avulsi dalle miopie delle valutazioni di convenienza.

Le speranze di essere contraddetti in queste valutazioni negative, insomma, ben possono tradursi in realtà. Se i quadri di LeU sapranno raccogliere i segnali, al momento piuttosto tiepidi, provenienti dal mondo della sinistra, non a torto volgente il proprio sguardo altrove (anche in termini internazionali: alla già ricordata assemblea di presentazione di Potere al Popolo hanno partecipato, ex plurimis, rappresentanti di La France Insoumise e Podemos), nonché dalla propria stessa base, sarà possibile prevenire il processo di duplicazione del PD in atto.

Purtroppo, l’insegnamento che è possibile trarre dai primi giorni di LeU è che non basta chiamarsi vicendevolmente “compagni e compagne” per fare Sinistra. Fortunatamente.

Pin It on Pinterest