La primavera ha spazzato via l’inverno con un colpo di spugna, ma noi già lo sappiamo che, come dice giustamente De Andrè in Un chimico, primavera non bussa, lei entra sicura, come il fumo lei penetra in ogni fessura , e, ad accompagnarla ci dovrebbe essere della buona musica, sempre.C’è, infatti, in queste giornate che sembrano essersi allungate, la voce di un ragazzo del Tennessee del 1988, tale Micah P. Hinson che potrebbe essere la panacea di tutti i mali.

Micah P. Hinson, un autore tormentato come e forse più di alcuni altri, con la sua voce spettrale e, per questo, quasi eterea, è prima di essere una rivelazione degli ultimi anni, un uomo fortemente segnato dalle esperienze personali. Cresce in una famiglia cattolica e conservatrice, è quello strano, il ragazzo occhialuto che ruba i dischi a suo fratello per ascoltarli in solitudine.
Era infatti appena un ragazzino, quando si innamorò di una modella di Vogue, con cui fuggì da Abilene, in Texas, dove si era successivamente trasferito (1). Una storia vera, la sua, che ricorda un po’ le canzoni di Springsteen, ricordiamo, una fra tante, la bella Mary dal vestito svolazzante che salta in macchina e fugge dal paesino di provincia con il Boss in Thunder Road. Hinson, però, viene lasciato inaspettatamente e si ritrova senza soldi, sfrattato dall’appartamento in cui viveva con la modella, in prigione e affetto da depressione e dipendenza da sostanze stupefacenti. Questo lo avrebbe solo reso un ragazzo come tanti, un uomo di cui non avremmo conosciuto “le gesta”, se solo non avesse avuto la brillante idea di mettersi a suonare.

Sarà un suo amico a scoprire le bozze delle sue canzoni, il membro degli Earlier, che gli farà guadagnare l’uscita del primo album, nel 2004, Micah P. Hinson and the Gospel of Progress(2). Sulla copertina campeggiano le stringhe di un corpetto da donna a metà fra un abito da sposa e un abito settecentesco e, una donna, con molte probabilità, la modella di Vogue, è la protagonista di tutto l’album e la musa di Hinson. A dirla tutta poi, quasi tutti gli album del cantautore americano hanno come copertine gambe, busti e seni di donne.

Nella prima traccia ci invita quasi col pezzo Close your Eyes a chiudere gli occhi e ad assaporare ogni singolo verso di questa bellezza. E ad occhi chiusi andrebbe ascoltato tutto l’album: gli arpeggi e i ritornelli sono capaci di portare l’ascoltatore lontano, nel tempo e nello spazio, in mondi non più esistenti o forse mondi da cui, in vite precedenti, siamo già passati. Hinson suona le corde delle nostre anime, a suo piacimento, portandoci a volte alla deriva, a volte al più alto grado di irrazionale speranza.
In Beneath the rose, Hinson con delicatezza quasi dichiara di voler morire, fra le rose, per il troppo dolore e passa nella canzone successiva a comporre un lamento straziante in cui chiede alla donna che ha amato di non dimenticarlo. Tocca il cuore, con la sua semplicità, quasi commuove. Non è smielato però, anzi a volte è quasi rude, con quella sua voce profonda, tanto che l’ascoltatore non può fare altro che trovarsi imbambolato a seguire le trame di questa storia. Hinson in questo album fa ciò che avremmo fatto tutti se fossimo stati musicisti o poeti: blocca i ricordi, dà loro voce, rendendoli eterni, forse, immaginiamo con lo scopo di alleviare le sue pene, con lo scopo di guardare in faccia alla realtà.
Non gli servono molte parole, i versi sono brevi e poco complessi, ma i giri di chitarra un po’ alla Johnny Cash parlano per lui e lasciano poco spazio all’immaginazione. L’album si chiude con un pezzo che è presagio di un dolore che difficilmente si rimarginerà: The day Texas sank in to the bottom of the Sea, è l’apice della tragedia pur consegnando al mondo la speranza del cantautore, l’unica cosa a cui ancora si può aggrappare. Chiusa la storia di questo amore tragico nel 2005 ritorna con Micah P. Hinson and the Satellite, un album diverso, introspettivo ma più “leggero”.
Johnny Cash che ricorda nella voce è anche il suo modello, perché negli album successivi le tonalità sono quelle country (inoltre,come Johnny Cash fece prima di lui, chiede alla fine di un suo concerto alla sua fidanzata di sposarlo (3)). Gli anni Cinquanta sono presenti musicalmente nei suoi successivi album come accade in Micah P. Hinson And the Pioneers Saboteurs. Continua la sua carriera,alternando alti e bassi, inframmezzata da operazioni alla schiena che lo costringono a letto e che gli danno occasione di scrivere per un altro album Micah P. Hinson and the Opera Circuit, in cui si ritrovano pezzi classicheggianti, infatti non mancano in diverse canzoni giri di archi sparsi (4). Il cammino di Hinson è un cammino di maturità e nei suoi album si legge chiaro che si passa dalla descrizione del tormento provocato dall’amore, al suo malessere fisico, alla sua voglia di lottare contro la morte e la depressione. Un’artista multiforme, con influenze musicali più varie, da Elvis a Cohen, da Bob Dylan ai Beatles. Un musicista,le cui dita non hanno occasione di star ferme,infatti, diversi sono gli strumenti che suona. Un’artista tormentato, melanconico, ma anche uno di quelli capaci di accartocciarci il cuore.
L’ultimo album del 2010 è stato scritto in seguito ad un incidente stradale che lo ha costretto a letto per alcuni mesi.

Said my dreams are
Never
Going to come true
But it seems almost impossible
To make it (da It seems almost impossible)

Così pensava lui, che i suoi sogni non si sarebbero mai avverati, invece ci ha svelato a poco a poco pezzi di sè, “liberandosi dal male”, diventando nelle sue canzoni quasi il fantasma di sé stesso, restando aggrappato a quelle note, che diventano universali, catartiche e che con forza dirompente ci fanno danzare con consapevolezza con i nostri demoni, o almeno con quelli con cui ognuno di noi convive quotidianamente.

NOTE:

(1), (2), (3), (4) Micah P. Hinson, Il tormento della bellezza, di Gabriele Benzing, ondarock.it nella sezione songwriter

FOTO: http://www.bazingaticket.com/micah-p-hinson-fab/

 

Author: Maria Sabata Di Muro

Studentessa di Giurisprudenza per caso prima, per passione poi. Sognatrice e idealista per professione.

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!