«È meglio una testa ben fatta che una testa ben piena» scriveva Montaigne nel 1580 nei suoi Essais. Mi sembra che oggigiorno si avverta sempre di più il bisogno di teste ben fatte; infatti, se è pur vero che uno dei problemi maggiori di questo mondo contemporaneo (a dir la verità lo è da sempre) sia giustappunto l’ignoranza dilagante, indubbiamente è anche vero che pericolose siano le tante teste piene circolanti.

Una testa piena è una testa fatta di sole nozioni imparate a memoria, una testa impregnata di scienza ma non di coscienza, come una moneta senza valore. Nei capitoli XXV (Della pedagogia) e XXVI (Dell’educazione dei fanciulli), Montaigne è chiarissimo: non est loquendum, sed gubernandum (non si tratta di parlare, ma di reggere il timone); la saggezza è il frutto di un processo educativo che può solo scaturire dall’esercizio della virtù e della bontà e non dal solo studio delle lettere e delle scienze, infatti afferma: «ogni altra scienza è dannosa a colui che non ha la scienza della bontà. […] oggi in Francia lo studio ha quasi per unico scopo il guadagno».

Queste ultime parole fanno indubbiamente impressione per la loro estrema attualità, e forse anche per la constatazione che l’utilitarismo e l’opportunismo fossero di moda anche tra gli uomini del Rinascimento. Non lasciamoci scandalizzare e procediamo con accortezza. Si studia per il guadagno, per crearsi una posizione stabile e fruttuosa in società, in ultima analisi potremmo dire che si studia anche per vanità e per il nostro innato spirito di conservazione. Si studia anche per egoismo e per fragilità. Tante sono le persone a cui sembra che lo studio venga loro quasi imposto dall’alto, e che si affannano sui libri, che sembrano invecchiare sui libri, imbruttire e forse anche un po’ morire (non me ne vogliano i lettori). Platone nella Repubblica afferma che le cariche ai cittadini devono essere affidate in base alla natura interiore della persona. Uno zoppo sarebbe poco indicato nel partecipare a una maratona così come sarebbe poco indicato che una persona irosa tenti la carriera da magistrato. A mio parere la questione è abbastanza chiara: avremo sempre più teste piene che teste ben fatte poiché il sistema scolastico-educativo attuale impone una sola via per raggiungere lo “scopo”, fregandosene altamente delle diverse attitudini caratteriali di ogni singola persona.

Riguardo all’educazione dei fanciulli, su questo punto, Montaigne scrive: «la maggiore e più grave difficoltà della scienza umana par che s’incontri proprio là dove si tratta dell’educazione e dell’istruzione dei fanciulli. Come nell’agricoltura le operazioni che precedono il piantare sono determinate e facili, e così il piantare medesimo. Ma quando ciò che è stato piantato comincia a vivere, per farlo crescere si ha una gran varietà di modi e molte difficoltà: così per gli uomini, ci vuol poca abilità a piantarli, ma dopo che sono nati ci si addossa un compito diverso, pieno di affanni e di ansie, per educarli e allevarli». Per il filosofo francese importante è la figura del precettore. Un buon precettore è l’unico in grado di guidare il fanciullo nel lungo percorso della conoscenza (di sé soprattutto) «a volte aprendogli la strada, a volte lasciandogliela aprire». L’educatore di Montaigne è innanzitutto un maestro di vita che insegna all’allievo i propri punti di forza e a riconoscere di volta in volta le proprie debolezze per poi superarle.

Ecco perché diventa importante che le “strade vengano aperte” una volta dal precettore e una volta dall’allievo: è quasi un gioco delle parti in cui non c’è nessuna autorità, ma anzi rispetto reciproco e la volontà di imparare uno dall’altro. Questa è la sapienza derivante da una profonda educazione alla bontà. «Non si tratta di parlare, ma di reggere il timone». Solo dopo aver appreso l’arte della bontà si può passare allo studio delle lettere e delle scienze, e tra queste Montaigne consiglia lo studio della storia poiché parla di gesta e azioni fatte da uomini.

Giunti a questo punto, mettiamo da parte Montaigne e il passato e ritorniamo al presente. Come faremo ad educarci alla bontà nella società di massa attuale che tutto appiattisce e che tutto semplifica? Perché parliamoci chiaro, la società attuale è impostata solamente per creare teste piene e non teste ben fatte. Ennio Flaiano disse una volta che il problema della scuola era questa costante e dannosa propensione a voler semplificare tutto: «Sempre caro mi fu quest’ermo colle» si trasforma in «Questa collina mi è sempre piaciuta». Perché semplificare? Leopardi non era mica un tipo semplice. E perché non cercare di metterci davvero a confronto con un Leopardi, innalzandoci noi e non abbassando lui al nostro livello. Sapere Aude, osa essere saggio, abbi il coraggio di sapere. Adesso posso andare a dormire tranquillo; dopo avere scritto tutte queste citazioni sento la testa meno piena. Deve essere un buon segno!

Author: Nunzio D’Alessandro

“Studio filosofia presso l’Università di Bologna. Mi appassiona ricercare e ascoltare la musica anni ’70/80 dal rock progressivo alla new wave. ”

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!