Lo Yemen è sull’orlo di una grave carestia. Le agenzie d’informazione danno spesso la colpa alla guerra civile, al blocco dei porti del nord imposto dall’Arabia Saudita e dal bombardamento delle infrastrutture vitali. Inoltre, il rifiuto del governo di pagare i salari nelle zone controllate dai ribelli e il deprezzamento del ryal yemenita, significa che molti non possono permettersi il cibo disponibile. Ma una delle maggiori cause della fame viene spesso omessa: una pianta fogliosa chiamata qat.

Questa pianta è la droga più popolare dello Yemen: il 90% degli uomini e oltre un terzo delle donne masticano abitualmente le sue foglie, e una volta masticate le conservano nelle guance finché la sostanza narcotica filtra nel flusso sanguigno. Nel passato gli yemeniti potevano permettersi questa droga una volta alla settimana, e la pratica era diffusa prevalentemente nelle montagne del nord-est, dove il qat cresce. In seguito all’unificazione del Paese, nel 1990, la sostanza si è diffusa anche al sud. Oggigiorno, invece, il mercato del qat interessa l’intero Paese.

Gli uomini spendono molto di più per soddisfare la loro dipendenza da questa droga che per provvedere alle loro famiglie, arrivando a spendere fino a 800$ al mese. I soldati, invece, piuttosto che dare la caccia a trafficanti d’armi e altri contrabbandieri, estorcono denaro a chi attraversa i check point per pagare i loro vizi, facendo aumentare di molto i costi di trasporto. E mentre il Paese è a corto di beni di prima necessità, come il grano, i campi più fertili sono tutti adibiti alla coltura del qat, che è più redditizio e la sua coltivazione è stimata crescere del 12% ogni anno. Le autorità, inoltre, parlano del qat come del “Viagra dello Yemen” e ne incoraggiano l’uso. Taher Ali al-Augaili, il capo dello staff dell’esercito, dice: “è il nostro whisky” e afferma che questa drogra fornisce agli uomini energia per combattere.

Quando le autorità locali di Hadramawt, la pronvincia più grande del Paese, provarono a ristabilire un divieto di consumo negli uffici pubblici, esse venero convocate a Riyadh per unirsi ad una masticata collettiva assieme al presidente yemenita Abd Rabbo Mansour Hadi. Solo al-Qaeda nella penisola arabica ha avuto successo nell’imporre un bando all’uso qat.

Il nord dello Yemen è la regione che più soffre la minaccia della carestia, ma i ribelli Houthi controllano il valore del qat grazie al monopolio su di esso, allo stesso modo di come il presidente Hadi controlla le risorse petrolifere e di gas del Paese. E questo lascia strade aperte tra le linee nemiche (governative e dei ribelli). Decine di camion pieni di raccolto attraversano la città di Marib ogni giorno. Le tasse sul qat assicurano grandi entrate finanziarie ad entrambe le fazioni in guerra. Dati attuali scarseggiano, ma nel 2000 la Banca mondiale ha stimato che il qat rappresentava il 30% dell’economia yemenita. Anche gli affamati trovano dei vantaggi in questa droga: il qat sopprime l’appetito. Ma le assurdità non finiscono qui. Un ufficiale del sud dice: “Stiamo combattendo i ribelli Houthis con le nostre braccia e li stiamo finanziando con le nostre bocche”.


[Traduzione dall’originale: The drug that is starving Yemen per “The Economist” Fonte qui]

Author: Samy Dawud

Sono laureato in Economia e Management presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Grande appassionato di Politica Estera e Medioriente, di viaggi e di musica

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!