Seleziona una pagina

Ogni 5 Novembre i Britannici di tutto il paese ricordano con falò e fuochi d’artificio l’esecuzione di Guy Fawkes, un terrorista cattolico del XVII secolo; nonostante molti moderni attivisti se ne siano appropriati celebrando in questo giorno la protesta di massa tra i quali Anonymous, un gruppo di “hacktivisti”, che incoraggia le persone a protestare contro il proprio governo. La fazione londinese della “marcia dei milioni di volti”, si riunirà davanti al Parlamento, e molti di loro indosseranno la maschera ghignante di Guy Fawkes. Ma come ha fatto un uomo di quattrocento anni fa a diventare la faccia della protesta post-moderna?

Nel 1605 Fawkes era il leader del complotto ordito da alcuni cattolici inglesi per far esplodere la Camera dei Lords durante una sessione del Parlamento. L’obbiettivo della “Congiura delle Polveri” era uccidere Giacomo I, un protestante, e far salire al trono la figlia di 9 anni, che avrebbe reintrodotto la fede cattolica, ma una lettera anonima che descriveva i piani dei congiurati fu recapitata al Re. Così, Fawkes fu arrestato nelle cantine del Parlamento con 36 barili di polvere da sparo accanto. Fu torturato ed impiccato, mentre gli altri congiurati furono imprigionati per alto tradimento nel Gennaio dell’anno seguente: il Governo infatti attuò misure particolarmente pesanti come deterrente per futuri attacchi terroristici. La tradizione di fare falò e bruciare effigi di Guy Fawkes iniziò poco dopo, e i bambini imparano ancora la macabra filastrocca “Ricorda per sempre il 5 Novembre” *

Nel 1980 i fumettisti Alan Moore e David Lloyd crearono la celebre striscia di “V per Vendetta”, nel quale il protagonista è un anarchico che indossa un mantello ed una maschera sogghignante e baffuta di Guy Fawkes, in perenne volta con uno stato fascista ed autoritario. Gli autori volevano celebrare Guy Fawkes facendolo diventare un antieroe dell’età moderna. Il fumetto diventò un film nel 2006, ed anche se la pellicola non rispetta completamente l’originale, la maschera di V è una fedele copia di quella del fumetto; per promuovere il film vennero poi messe in vendita delle maschere di plastica online. Due anni dopo, nel 2008, Anonymous lanciò “Project Chanology”- un attacco coordinato al sito di Scientology, accusati di censurare numerose informazioni. La diciassettesima regola del codice di Anonymous, promulgata online il 10 febbraio 2008 tra i vari dimostranti prima della loro “prima manifestazione pubblica nella vita reale”, afferma: “Copritevi la faccia. In questo modo non verrete riconosciuti se i nemici vi filmeranno.” Per quelli che decisero di indossare la maschera la decisione era semplice: prendere ispirazione dall’ultima scena del film, in cui una folla di Guy Fawkes guardano il Parlamento esplodere, “la maschera di V per Vendetta” ha solo fornito ad Anonymous ciò che necessitava.

Dal 2008 la maschera di V è stata adottata dall’ Occupy Movement, e Julian Assange, il fondatore di WikiLeaks, ne ha addirittura indossato una, negli anni è perciò diventata una dei protagonisti delle proteste. Uno dei suoi creatori, Lloyd, l’ha definita come  “un comodo manifesto da mostrare nelle proteste contro la tirannia… Risulta così eccezionale utilizzare in questo modo un’icona della cultura di massa”. Nonostante le maschere ufficiali del film siano ancora disponibile online, la maggior parte dei manifestanti preferisce stampare o dipingere la propria. E ancora oggi gli Yeomen of the Guard, la guardia personale dei sovrani inglesi dal 1485, controllano sempre le cantine del Palazzo di Westminster prima dell’inizio delle sedute del Parlamento. Lo spirito di Guy Fawkes, per molti aspetti, continua a vivere.

  • Remember remember the 5th of November. The Gunpowder, treason and plot: I know of nowhy the Gunpowder treason should ever be forgot!
  • Ricorda per sempre il 5 Novembre, il giorno della congiura delle polveri contro il Parlamento. Non vedo perché di questo complotto nel tempo il ricordo andrebbe interrotto

Author: Giorgia Filippone

Liceale milanese di giorno, esteta del viaggio (mentale) di notte, appassionata di sinologia, politica estera e letteratura; alla prima, elettrizzante esperienza con tanta voglia di crescere e di portare avanti le ragioni e i problemi della sua generazione.

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!