Gli Usa hanno effettuato un attacco missilistico contro le basi aeree siriane sospettate di aver attaccato, con armi chimiche, una città in mano ai ribelli.

Cinquantanove missili da crociera Tomahawk sono stati sparati da due navi della marina militare situate nel Mediterraneo. Almeno sei persone sono state uccise.È la prima azione militare compiuta dagli Stati Uniti contro le forze comandate dal presidente siriano. Il Cremlino, che sostiene Bashar al-Assad, ha condannato l’attacco. Questo succede pochi giorni dopo che dozzine di civili, tra cui molti bambini, hanno perso la vita in un attacco, molto probabilmente a base di gas nervino, nella citta di Khan Sheikhoun nella provincia di Idlib.

Che provvedimenti hanno preso gli USA?
Per ordine del presidente Donald Trump, dai cacciatorpedinieri della Marina USS e USS Ros, sono stati sparati decine di missili da crociera sul campo d’aviazione di Shayrat, nella provincia di Homs alle 04:40 ora locale (01:40 GTM)
In base a ciò che riporta il Pentagono, hanno colpito aerei, rifugi, aree di stoccaggio, bunker di alimentazione, munizioni e sistemi di difesa aerea controllati dal governo siriano.

Immagine del missile

Inoltre il dipartimento di difesa degli Stati Uniti afferma che nella base distrutta erano state usate armi chimiche e che si sarebbe dovuta prendere “qualsiasi precauzione” per evitare disgrazie.
Parlando dalla sua tenuta Mar-a-Lago in Florida, Trump ha detto di aver agito secondo “gli interessi vitali di sicurezza nazionale”. Ha anche definito il presidente Assad come “un dittatore che ha lanciato un orribile attacco di armi chimiche su civili innocenti” e ha fatto un appello dicendo “stasera mi appello a tutte le nazioni civili di unirsi a noi nel cercare di porre fine a questo massacro e spargimento di sangue in Siria, e anche per porre fine al terrorismo di qualunque forma e tipo“.

Cosa c’è di diverso in questo attacco?
Gli Stati Uniti hanno formato una coalizione per condurre attacchi aerei contro dei gruppi jihadisti in Siria già dal 2014, ma questa è la prima volta che vengono prese di mira le forze governative.
Trump ha già precedentemente parlato a sfavore dei coinvolgimenti militari americani in Siria chiedendo una maggiore attenzione per gli interessi nazionali.
Solo la settimana scorsa l’ambasciatore degli USA, Nikki Haley, ha detto alle Nazioni Unite che Washington non aveva come priorità spodestare il presidente siriano.
Il presidente Trump ha dichiarato : “dovrebbe succedere qualcosa alla leadership siriana dopo le morti avvenute martedì a Khan Sheikhoun“, senza però entrare nei dettagli.

Il segretario di Stato americano, Rex Tillerson, invece ha affermato che Bashar al-Assad, in Siria, non dovrebbe avere nessun ruolo in futuro.

Come ha reagito la Russia?
Il governo russo è uno dei principali alleati di Assad e il suo esercito punta a sconfiggere tutti i gruppi ribelli in Siria, tra cui jihadisti del cosiddetto Stato Islamico, ma anche forze di opposizione più moderate sostenute dagli USA e altre da nazioni occidentali.
Il Pentagono ha asserito che l’esercito russo era stato informato in anticipo dell’azione militare americana, ma il Cremlino ha reagito con rabbia a quest’attacco dopo aver appreso la mole di danni subita dall’esercito siriano.

Dimitry Peskov, portavoce del presidente russo Vladimir Putin, ha definito la reazione americana “un atto di aggressione contro una nazione sovrana“.
Nel frattempo il ministero degli esteri russo ha affermato che stava sospendendo un accordo, con gli Stati Uniti, progettato per prevenire scontri nei cieli siriani dato che i due paesi prendevano parte a due campagne militari diverse.
Le autorità siriane hanno accusato gli Stati Uniti di appoggiare il terrorismo attentando alle operazioni di regime.

Che impatto avrà l’azione degli Stati Uniti?                                                  

Ecco la spiegazione secondo l’analisi di Jon Sopel, editore BBC dell’America del Nord.

È raro che una politica riesca a cambiare così velocemente e ad avere reazioni così veloci.
Quando il presidente Trump è entrato in carica il leader siriano è stato considerato un utile alleato nella lotta contro il cosiddetto Stato Islamico.
Ma l’attacco di armi chimiche ha cambiato tutto. Nel giro di due giorni gli USA hanno rivalutato la loro opinione su Assad: individuato l’obbiettivo e colpito.
Quello che non sappiamo è se questo è un comportamento una tantum oppure l’inizio di qualcosa di prolungato nel tempo contro il governo siriano.

Cosa sappiamo degli “attacchi chiminci”?

Almeno 80 persone sono morte nell’assalto alla città, in mano ai ribelli, di Khan Sheikhoun nel nord-ovest della Siria. Centinaia di persone hanno sofferto dei sintomi compatibili all’esposizione ad un agente nervino.
Un portavoce della Casa Bianca ha detto che l’amministrazione di Trump ha creduto “con un alto grado di fiducia” che l’attacco era stato lanciato dal campo di aviazione Shayrat, da aerei militari posti sotto il comando del presidente siriano.
Egli ha anche detto che la Casa Bianca credeva che la sostanza utilizzata è il Sarin, un gas nervino, considerato 20 volte piu’ mortale del cianuro.

Che risposta c’è stata all’attacco americano?

L’azione militare americana è stata apprezzata dal gruppo di opposizione siriano chiamato Coalizione Nazionale Siriana.
Speriamo in ulteriori attacchi…e che siano solo l’inizio” ha detto il portavoce Ahmad Ramadan all’agenzia di stampa francese AFP.
Nel frattempo il governo inglese ha definito l’attacco missilistico americano come “una risposta inappropriata al barbaro attacco di armi chimiche“. Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite terrà ulteriori incontri in quanto cerca di arrivare ad una soluzione nonché ad un’indagine sulle morti di Khan Sheikhoun.
La Russia ha già respinto un progetto sostenuto dal mondo occidentale. Mosca ha bloccato il suo veto sette volte per bloccare le risoluzioni delle Nazioni Unite contro il suo alleato, la Siria.

Articolo originale qui

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cronache dei Figli Cambiati

Author: Teresa Di Nunno

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!