Listen

A vincere le ultime elezioni è stato uno strano professore, ora tutti si chiedono se i tunisini finalmente hanno qualcuno su cui poter sperare e contare

Dall’avvio alla democrazia nel 2011, dopo la caduta dell’ultimo dittatore, in Tunisia sono ormai passati otto anni difficili. L’economia resta in stagnazione, la corruzione è ancora diffusa, il terrorismo è ancora una seria minaccia e c’è una vecchia classe politica che ha deluso i cittadini. Molti si chiedono se l’elezione di questo nuovo presidente Kais Saied il 13 ottobre porterà speranza nella fragile democrazia nordafricana.

Appena i tunisini hanno appreso della palese vittoria di Saied, migliaia di cittadini si sono radunati nella capitale. Molti hanno cantato gli stessi slogan di otto anni prima. Saied ha annunciato la sua vittoria come una “nuova rivoluzione”. Sull’aspetto che avrà questa nuova rivoluzione è difficile fare previsioni. Sia per stile che per la sostanza, sappiamo che Saied vuole andare oltre le semplificazioni delle etichette politiche.

Kais Saied è un professore di diritto in pensione di 61 anni, è stato un ambiguo attivista se prendiamo in considerazione i discorsi rigidi che faceva in arabo formale. Affermava che l’omosessualità era “una malattia e un complotto straniero” opponendosi alla pari eredità per uomini e donne. Chiede inoltre cambiamenti radicali nel sistema democratico. Non ha un partito politico, eppure ha vinto grazie al sostegno di gruppi secolaristi e di sinistra come Ennahda, un partito islamista moderato, che si è classificato al vertice delle elezioni parlamentari del 6 ottobre.

Nabil Karoui, imprenditore tunisino considerato il Berlusconi della Tunisia

Saied ha sconfitto un altro favorito Nabil Karoui, un uomo d’affari che ha condotto una campagna populista rivolta ai poveri. Che questi due outsider politici siano arrivati ​​al ballottaggio, scavalcando molti volti più familiari, è stato a causa della scarsa fiducia nell’élite precedente. Ma molti elettori hanno considerato Karoui semplicemente un opportunista dopo gli scandali di corruzione in cui era coinvolto.

Saied, al contrario, è stato percepito come una figura che sradicherà finalmente la corruzione in Tunisia. Ha speso poco per la sua campagna elettorale, eppure ha vinto il 73% dei voti, incluso il 90% dei giovani dai 18 ai 25 anni, secondo i sondaggi. Quasi un terzo dei suoi sostenitori non ha votato alle elezioni parlamentari. La proposta più audace del presidente eletto è eliminare tali elezioni. Invece, dice che i tunisini dovrebbero eleggere i consiglieri locali, in base al loro carattere, non alla loro ideologia.

Questi funzionari sceglierebbero i rappresentanti regionali che a loro volta sceglierebbero membri del parlamento nazionale. “Il potere deve appartenere direttamente alle persone”, afferma Saied quando parla del suo piano di votazione indiretta. A molti piace l’idea di dare più potere alle comunità locali. Ma Saied dovrebbe riuscire convincere i due terzi del parlamento per modificare la costituzione in tal senso. È al momento pare altamente improbabile.

Le ultime elezioni parlamentari hanno prodotto un’assemblea parlamentare divisa, con circa 20 partiti rappresentati. Il suo partito Ennahda ha preso 52 dei 219 seggi (contro i 69 del 2014). Il nuovo partito di Karoui, Qalb Tounes, è arrivato secondo con 38 seggi. Nidaa Tounes (nt), ex partito al potere, è stato quasi spazzato via. Dopo alcune discussioni, molti dei suoi membri principali hanno dato vita a nuovi partitini.

Ripartizione delle ultime elezioni parlamentari in Tunisia 2014

Inoltre il vecchio partito al potere è stato anche colpito lo scorso luglio dalla morte del suo fondatore, Beji Caid Essebsi, il primo presidente democraticamente eletto della Tunisia. Di conseguenza, non ha vinto di soli tre seggi, rispetto agli 86 del 2014. Ennahda avrà per la prima voltà l’opportunità di nominare un primo ministro, che avrà quindi due mesi di tempo per formare un governo.

I tempi dei colloqui per una futura coalizione saranno probabilmente lunghi e difficili. Saied può prosperare nelle divisioni altrui. Il presidente di solito ha meno voce in capitolo sulla politica rispetto al primo ministro, ma Saied ha ricevuto più voti di tutti i deputati messi insieme. Dispone di una maggiornaza enorme.

Quindi quali sono le sfide che deve affrontare?

Il tasso di disoccupazione è di circa il 15%. Il governo è in debito con gli occhi. L’FMI vuole che mostri un po’ di moderazione fiscale, mentre le persone vogliono che fornisca più posti di lavoro. La loro fiducia nella democrazia sta diminuendo. Ma l’elezione di Saied dimostra che non hanno rinunciato al sistema democratico. Vogliono solo che qualcuno lo ripulisca.

Author: Roberto Del Latte

Da blogger indipendente ho deciso di fondare Cronache dei Figli Cambiati. Sono laureando in lettere moderne a Bari e appassionato di politica estera. Ho collaborato con diversi web-magazine, tra cui theZeppelin e il Caffè Geopolitico, occupandomi di politiche energetiche, la politica degli Stati post-sovietici e geopolitica delle religioni.

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!