Seleziona una pagina

“A volte vorrei solo” è il titolo dell’ultima poesia prima di una pausa, dopo mesi di questo percorso assieme. Quindi vi lascio con un’altra lista, un’altra invocazione al cielo (eternamente distante), con la pelle consumata da questo freddo improvviso, nella speranza che, almeno la poesia, almeno la Domenica, vi possa dar calore.

A volte vorrei solo
trovare favole nei tuoi occhi
scuri più di questi giorni
che sono imperterriti
nel loro grigiore,
nell’ostentare una cappa di vuoto.
A volte vorrei solo
avere la primavera dalle tue braccia
calde, tramortite come rami
in un inverno gelido dove la neve
congela boccioli di fiori di pesco,
tesori sepolti con cura.
A volte vorrei solo
sentire che la vita perdona,
che la terra mi invita a danzare
balli felici con le musiche
d’una festa popolare.

Author: Silvia Fortunato

Silvia, studentessa di lettere moderne a Bologna. Dissemino parole per ritrovare la strada.

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!