I documenti trapelati non hanno precedenti e confermano che il Partito Comunista Cinese sta facendo una pulizia etnica del suo popolo con la scusa di combattere il terrorismo. L’obiettivo reale è invece quello di dominare le religioni in favore del partito.

I corrispondenti asiatici del New York Times Austin Ramzy e Chris Buckley sabato scorso hanno pubblicato gli Xinjiang Papers, una raccolta di 403 pagine di documenti governativi riservati, compreso i discorsi del presidente cinese Xi Jinping e di altri funzionari del PCC sulla deportazione e repressione della minoranza musulmana uigura nella regione autonoma dello Xinjiang.

Questa fuga di documenti dalla Cina non ha precedenti. Uno dei giornalisti ha twittato che a consegnare questi documenti è stata una persona dell’establishment politico cinese con “la speranza che la divulgazione impedisca ai leader del partito, incluso Xi Jinping, di sfuggire alla colpevolezza per le detenzioni di massa”. Gli Xinjiang Papers aprono una finestra sul PCC e sulla pulizia etnica della minoranza uigura.

Torture, stupri e campi di prigionia

Per costringere questi civili a collaborare le autorità ricorrono a torture; arresti e detenzioni; esecuzioni sommarie; stupri e aggressioni sessuali; gravi lesioni fisiche ai civili; ghettizzazione dei civili in aree ristrette; prelievi forzati; sfollamenti e deportazioni. Accade nello Xinjiang, “territorio autonomo” nel nord-ovest della Cina e sede di molte minoranze etniche.

Ci sono circa 14 milioni di musulmani uiguri che vivono nello Xinjiang. Dal 2014, uno su tre di loro è finito in “campi di rieducazione”, la maggior parte senza particolari capi d’imputazioni. In questi campi queste persone devono giurare fedeltà verso il PCC e rinunciare all’Islam, cantare elogi per il comunismo e ad imparare il cinese mandarino.” Sono circondati da telecamere e microfoni per controllare ogni mossa o espressione come in una prigione di massima sicurezza. Un tribunale internazionale ha le prove del prelievo forzato e della deportazione in questi campi.

Le donne uiguri, che solitamente non sono al sicuro neanche fuori da questi campi, sono quelle che se la passano peggio: sono vittime di stupri, aggressioni, costrette a prendere contraccettivi e persino ad aborti forzati. Ci sono notizie di matrimoni forzati con uomini cinesi Han contro la volontà di queste. Nel caso in cui i loro mariti sono finiti nei campi, gli uomini cinesi hanno il compito di sorvegliare queste donne uiguri e di dormire nello stesso letto.

Oltre a indicibili sofferenze umane, gli uiguri stanno man mano perdendo i loro siti religiosi e il loro patrimonio culturale. È stato riferito che tantissime moschee e siti religiosi musulmani sono stati demoliti nello Xinjiang.

Fonte: Internazionale

Questa demolizione culturale supera quella della rivoluzione culturale di Mao (1966-1976). Gli uiguri temono che i loro bambini, in assenza di genitori e luoghi di culto, cresceranno senza coscienza della loro identità culturale e religiosa. Ciò che le autorità di Pechino hanno fatto e continuano a fare nello Xinjiang è a dir poco una pulizia etnica.

Gli Xinjiang Papers confermano che tutto questo rientra esattamente nei piani del PCC. Nel 2014, successivamente ad alcune aggressioni di alcuni uiguri musulmani, il presidente cinese Xi Jinping nei discorsi privati ​​ai membri del PCC si è lamentato del fatto che gli strumenti e i metodi utilizzati dalla polizia dello Xinjiang erano “troppo primitivi”. Voleva che “le armi della dittatura democratica popolare dovevano essere usate senza alcuna esitazione” per estirpare il radicalismo islamico dallo Xinjiang. In una registrazione dice: “Dobbiamo essere duri come lo sono loro, senza mostrare assolutamente pietà”.

Nonostante Xi si sia espresso in favore della tolleranza religiosa in alcuni dei suoi discorsi e sul rispetto del culto degli uiguri, addirittura ammonendo i suoi compagni troppo zelanti, tutto questo rientra in un piano più ampio. Nutre l’ambizione di “sinicizzare” tutte le religioni, cioè di riadattate in modo che possano servire il PCC. Le chiese cristiane sanzionate dal governo in Cina devono appendere il ritratto di Xi vicino alla croce, uniformando il suo status a Dio.

Lo scorso marzo è stato raggiunto un accordo tra Xi Jinping e Papa Francesco sulla nomina dei vescovi. Il Papa ha dovuto accettare che oltre a lui anche il governo cinese può nominare i vescovi, dopo che la Cina ha incominciato a farlo autonomamente molto prima dell’accordo godendo così di una schiera di cattolici filo-governativi.

All’inizio di quest’anno, il governo cinese ha pubblicato un piano per “un’islam compatibile con il socialismo cinese”. Queste direttive spiegano la repressione del PCC verso queste minoranze che non si limitano allo Xinjiang e ha poco a che fare con la lotta al radicalismo. Sappiamo inoltre che la repressione sta ora coinvolgendo altri due gruppi etnici in Cina, Hui Muslim e Dongxiang.

Dagli Xinjiang Papers non emergono soltanto le modalità e i piani repressivi del governo cinese ma anche la retorica seguire e come Pechino intende mentire al riguardo.

Un trattamento speciale è riservato agli studenti uiguri, figli di genitori deportati. Farli ritornare a casa da altre parti della Cina attirandoli con la menzogna. Sono monitorati sui social network WeChat, Weibo e altre piattaforme per verificare le loro posizioni verso il governo cinese.

I funzionari locali e la polizia sono incaricati di incontrarli al ritorno il più presto possibile: se gli studenti si chiedono dove siano le loro famiglie gli rispondono che “sono in scuole di formazione istituite dal governo” e che “sono trattate molto bene, con un alto standard di vita, vitto e alloggio gratuiti”.

Se uno studente chiede quando potrà rivedere la sua famiglia o quando saranno liberi, ai funzionari viene chiesto di rispondere che la loro famiglia “è stata infettata dal virus del radicalismo islamico e deve restare in quarantena”.

La direttiva impone anche di fare minacce velate agli studenti, avvertendoli che il loro comportamento determinerà per quanto tempo le loro famiglie rimarranno nei campi. Agli studenti viene anche detto di essere grati per la benevolenza e la generosità del PCC.

Author: Roberto Del Latte

Da blogger indipendente ho deciso di fondare Cronache dei Figli Cambiati. Sono laureando in lettere moderne a Bari e appassionato di politica estera. Ho collaborato con diversi web-magazine, tra cui theZeppelin e il Caffè Geopolitico, occupandomi di politiche energetiche, la politica degli Stati post-sovietici e geopolitica delle religioni.

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!