Le pericolose provocazioni dell’Iran

Le pericolose provocazioni dell’Iran

Le pesanti rappresaglie statunitensi in Medio Oriente possono impantanare tutti in una guerra.

Lo scontro tra Stati Uniti e Iran rischia di sfuggire di mano. Se dietro gli attacchi del fine settimana contro le strutture petrolifere dell’Arabia Saudita ci fossero gli iraniani, come sostenuto da Washington, la situazione potrebbe provocare un’escalation fuori controllo, sia per la resistenza di Teheran alle pressioni USA sia per la lotta alla supremazia regionale.

Fatto sta che l’incidente ha messo a nudo la vulnerabilità dell’industria petrolifera saudita nonostante le ingenti spese militari e l’influenza che il regno esercita sui prezzi del greggio globale indipendentemente dal boom del petrolio di scisto USA. La pressione su Trump dal trono saudita per rivolvere con i muscoli la questione è irresistibile, ma sarebbe saggio, anche se veramente difficile, cercare di stemperare la situazione.

Quanto agli attacchi non c’è chiarezza su chi sia il mittente. Alcuni credono siano partiti dal territorio iraniano, il che equivarrebbe a un atto di guerra. C’è anche la possibilità che i delegati iraniani abbiano fatto soltanto da registi. Dipende però se l’attacco è stato lanciato dai droni dei ribelli Houthi dallo Yemen o se dai missili lanciati dall’Iraq da milizie iraniane.

Fonte: Aljazeera

Se fossero i primi, l’intuito suggerisce che sarebbe l’assistenza sia dell’Iran. Se gli attacchi provenissero dall’Iraq, alleato degli Stati Uniti, sarebbe complessa la risposta. La prova schiacciante è che si tratta di tecnologia e logistica iraniana che ha colpito i sauditi, nemici di Teheran.

L’attacco all’industria petrolifera saudita è una provocazione più grave del sequestro di petroliere nel Golfo o dell’abbattimento di droni statunitensi. Fino ad ora gli attacchi dell’Iran sono stati attentamente calibrati. Questa situazione, a meno che non sia andata oltre le aspettative di Teheran, sembra alquanto pericolosa e grave.

L’atteggiamento iraniano è ingiustificabile, ma difficilmente imprevedibile. La causa della crisi riguarda la decisione di Trump di ritirarsi dall’accordo sul nucleare dell’era Obama con l’Iran, il Piano d’azione congiunto globale. Sebbene imperfetto, l’accordo funzionava e rappresentava un raro successo per la diplomazia globale.

La successiva strategia di Washington della “pressione massima”, nello strangolare l’economia iraniana così da costringerla a rinegoziare delle condizioni più favorevoli per gli USA, ha ridotto drasticamente le esportazioni di petrolio iraniano; portando l’economia in recessione e schiacciato la moneta.

Di minor rilievo ma non meno importante nelle ultime settimane, è stata la crescente “guerra ombra” da parte degli alleati statunitensi, principalmente di Israele, contro gli Hezbollah il proxy iraniano sciita situato in Siria, Libano e Iraq.

Teheran disse che se che se avessero strozzato le sue esportazioni petrolifere avrebbe risposto cercando di bloccare tutti gli altri. Trump ha ripetuto ieri che le forze statunitensi erano state “fermate e saranno riarmate dopo le verifiche” dei responsabili.

Potrebbero non essere in grado di ritirarsi dalle rappresaglie militari contro l’Iran come successo il mese scorso, nonostante John Bolton, consigliere per la sicurezza nazionale, sia stato licenziato. Per quanto sia difficile dopo questa gravissima provocazione, gli Stati Uniti dovrebbero mostrare moderazione.

Una risposta dura giustificherebbe un’altra linea dura per l’Iran. “Ribaltare l’escalation” significherebbe trovare un modo per tornare, passo dopo passo, all’accordo 2015. L’incontro tra Trump e il presidente iraniano Hassan Rouhani questo mese sarebbe potuto essere un inizio, ma Teheran l’ha inteso solo come una sfilata.

Presidente USA Donald Trump e presidente iraniano Hassan Rouhani

Il presidente francese Emmanuel Macron ha proposto un credito di $15 miliardi per aiutare l’economia iraniana per compensare la perdita delle entrate petrolifere, ma a condizione che Teheran torni alla piena conformità con l’accordo nucleare.

Gli Stati Uniti minacciano di escluderli dal sistema commerciale del dollaro ma evitare una guerra totale in Medio Oriente ha un prezzo. Il pericolo è che nessuna delle due parti sia pronta a fare il primo passo.

Brexit: la tempesta infinita di Boris Johnson

Brexit: la tempesta infinita di Boris Johnson

Prima in Parlamento, poi nel partito, infine in tribunale: Boris Johnson sta collezionando sconfitte nella sfida per la Brexit. Cos’altro può fare? Le strade percorribili sono sempre di meno e sono tutte su terreni scivolosi.

Martedì scorso Boris Johnson è andato in una scuola del distretto di Pimlico, a Londra, scontrandosi con gli studenti delle elementari un più presuntuosi. Ha scherzato molto, che è parecchio per i suoi standard, e non ha dato la parola all’insegnante; quando voleva intervenire, alzava il braccio. Per un attimo è sembrato che volesse ricominciare gli studi.

Johnson è in carica da sette settimane. Ma in questo periodo, il Conservatore, con un bel po’ di trambusto, ha messo in secondo piano una serie di fallimenti, mettendo in ombra ognuno dei suoi 76 predecessori. Qualunque bel trucco di prestigio avrebbe voluto fare, nel grande gioco di illusioni chiamato Brexit, è sempre stato un perdente: ha perso sei voti su sei voti in Parlamento.

Dopo aver cacciato 21 colleghi moderati dal partito e mentre un altro traballa, la sua maggioranza di governo non c’è più. Nel tentativo di mettere i conservatori contro le istituzioni democratiche, ha perso il Ministro del Lavoro Amber Rudd e persino suo fratello Jo, che fino ad oggi era sottosegretario di Stato al Ministero della Scienza.

Mercoledì Johnson ha perso in tribunale. L’Alta Corte Civile scozzese presume che Johnson abbia mentito ai deputati britannici e forse anche alla Regina sui veri motivi che hanno portato alla chiusura del Parlamento per cinque settimane. Un’accusa enorme, senza precedenti, che il capo del governo ha respinto come «completamente falsa». Tuttavia, se la Corte Suprema si unisce alla sentenza di martedì, Johnson potrebbe, nel peggiore dei casi, essere costretto a dimettersi.

E poi c’è Johnsons Mantra, che «preferirebbe finire morto in un fosso» piuttosto che chiedere all’Unione Europea un ulteriore proroga della Brexit oltre il 31 ottobre. Il problema è che questa settimana il rinvio è diventato legge. Se Johnson non negoziasse un accordo di uscita con l’UE entro la metà di ottobre, dovrebbe rispettarlo. In caso contrario, gli esperti ritengono che potrebbe addirittura perdere la libertà. Che è troppo per un uomo abituato a vincere.

Con il suo fare, Johnson non ha solo danneggiato casa sua e la sua monarchia, la giustizia, il suo partito e la fiducia nella democrazia britannica. Si è anche cacciato in un angolo disperatamente chiuso e nessuno sa come farà a scoprirlo.

Chi, in questo momento, è in grado di dire con certezza se Johnson ha agito di proposito o si tratta di una svista? Avrà sottovalutato i suoi avversari? O vuole solo farcelo credere? Sette settimane dopo l’arrivo dell’uragano Boris nel Regno Unito, il Paese è così sconvolto che non c’è più nulla di certo. E così a Londra si prendono in considerazione anche gli scenari più stravaganti e vengono discussi come se fossero del tutto plausibili.

Mentre Johnson è sconfitto, il Paese perde le staffe. Qualcosa il capo del governo l’ha ottenuta: la fiducia dei cittadini. Il fatto che molti pensino che la pazzia possa dipendere dal consulente capo di Johnson, Dominic Cummings.

Dominic Cummings consigliere di Boris Johnson. Fonte: Mirror.co.uk

Lo stratega delle pubbliche relazioni, un tempo «psicopatico di carriera» del primo ministro David Cameron, è stato uno dei principali responsabili della riuscita della campagna di Brexit nel 2016.

Inoltre, non si deve mettere in guardia il suo frontman Johnson come il predecessore Cameron, dai «77 milioni di turchi» che potrebbero entrare nel Regno Unito in modo incontrollato se la Turchia entrasse all’Unione europea. Ironia della sorte anche Johnson ha radici turche: suo bisnonno – padre Ali Kemal viene da lì.

Cummings, 47 anni, ammiratore del leggendario cinese Sun Tzu e del suo libro «L’arte della guerra». Nel lavoro di duemila anni e mezzo, il filosofo scrive che ogni mezzo per raggiungere un obiettivo è legittimo. L’oratore ha affermato che l’Europa non è pronta ad affrontare il problema. E:«Se hai in mente qualcosa, fingi di non avere idee».

Una lezione che Cummings e il suo team hanno imparato a Downing Street, quindi cosa sta tramando Johnson? Ha detto che rispetterà la legge e al tempo stesso ha giurato di non chiedere «in nessun caso» una proroga del termine per il Brexit.

Una contraddizione praticamente insolubile, a meno che Johnson non voglia danneggiare ulteriormente i fondamenti della democrazia a rischio di crollo. Ma ogni sua scelta comporta dei rischi, sia per lui che per il suo Paese, o per entrambi.

Uno degli scenari più seriamente discussi è che Johnson potrebbe ignorare la legge che obbliga a chiedere una proroga per la Brexit, per arrivare alla resa dei conti. Se la controversia dovesse protrarsi fino al 31 ottobre, il Regno Unito potrebbe uscire dall’UE. Johnson rischierebbe persino la prigione, ma manterrebbe la sua promessa.

In alternativa, potrebbe inviare a Bruxelles la lettera con la richiesta di proroga che il Parlamento gli ha chiesto, ma poi spedirne un’altra successivamente che annulli la prima. Anche in questo caso, però, il Consiglio si piega.

Gli analisti politici hanno addirittura ipotizzato uno scenario con dimissioni di Johnson in ottobre e la Regina suggerirebbe di nominare Premier il leader del Partito laburista Jeremy Corbyn.

Non appena quest’ultimo avrà richiesto la proroga del termine per la Brexit, i Tories potrebbero tentare di rovesciare Corbyn con un voto di sfiducia, per andare a nuove elezioni con Johnson al vertice. Il problema è che, attualmente per sfondare con la forza bruta di Johnson, ai conservatori della Camera dei Comuni mancano attualmente decine di voti alla maggioranza.

Infatti in questi giorni tutto può succedere, secondo alcuni Johnson potrebbe tentare qualcosa di molto folle tra poche settimane, diversamente dalle promesse: un nuovo accordo con l’Unione Europea. Fino ad ora, la strada sembrava bloccata. Proprio a causa del cosiddetto back-stop, una soluzione d’emergenza per evitare che in futuro si ripetano i controlli alle frontiere tra l’Irlanda e l’Irlanda del Nord. Mentre l’UE ha giudicato insostenibile un backstop, Johnson lo ha sempre definito «morto».

Tuttavia, in occasione di una visita a Dublino lunedì, sembrava stesse preparando un compromesso: all’improvviso ha affermato che nel back-stop si doveva garantire «una via d’uscita per il suo Paese». In precedenza pensava alla creazione di una zona di commercio alimentare uniforme per l’intera isola irlandese.

I diplomatici UE l’hanno interpretata come una vecchia idea che potrebbe tornare sul tavolo dei negoziati: far restare solo l’Irlanda del Nord nel mercato unico e nell’unione doganale, mentre il resto del Regno sceglie le proprie regole e conclude liberamente accordi commerciali con il resto del mondo. I controlli doganali sarebbero effettuati nei porti di carico del Mare d’Irlanda.

Il predecessore di Johnson, Theresa May, aveva sempre respinto l’idea di Bruxelles: «Nessun Primo Ministro britannico approverebbe mai un accordo che trattasse una parte del Paese in modo diverso dal resto del Paese». May, tuttavia, doveva tener conto del suo partner de facto, il Partito Unionista dell’Irlanda del Nord (DUP). Johnson non ne ha più bisogno, anche con il DUP non ha più la maggioranza.

Il commissario irlandese Phil Hogan non poteva che gioire per questa prospettiva. A Bruxelles si sta pensando di conferire al governo regionale dell’Irlanda del Nord il diritto di parola sulle nuove norme europee che la riguarderebbero.

Poi mercoledì, in occasione di un Question time online con i cittadini, Johnson ha dichiarato che «non avrebbe accettato una soluzione speciale dell’Irlanda del Nord». Anche se così fosse, i Brexit-Hardliner sotto i Tories, che siedono in Parlamento come blocco chiuso, hanno fatto capire che non si oppongono solo al blocco di fondo. Vogliono sbloccare l’intero accordo di uscita negoziato da May e introdurre modifiche.

Ma quello che invece farà lo sa soltanto lui. E se continuerà ad andare male, potrebbe dover richiamare il Parlamento con un’ordinanza giudiziaria. È piuttosto certo che, per lo spirito del Sun Tzu, lui e il suo consulente capo continueranno per il momento a creare confusione. In una recente riunione interna, Dominic Cummings ha affermato che tutto ciò che è stato fatto finora non è niente in confronto a quello che verrà dopo di lui, «Questo è solo l’inizio».


[Traduzione e sintesi di Roberto Del Latte. Articolo di Jörg Schindler da Der Spiegel dalla numero della rivista Nr. 38 / 14.9.2019 articolo qui]

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cronache dei Figli Cambiati

La guerra fredda tecnologica: contro Huawei

La guerra fredda tecnologica: contro Huawei

Una guerra hi-tech è la prospettiva migliore da seguire? Huawei ha fatto un’offerta di pace così conveniente da non essere respinta del tutto.

L’America ha scatenato una raffica di azioni contro Huawei, il colosso cinese delle telecomunicazioni, perché ritiene che sia una spia del governo cinese e una minaccia per gli interessi occidentali, proprio a causa del suo ruolo dominante nelle tecnologie 5G. Da maggio alle aziende americane è stato proibito di fornire Huawei.

Il Dipartimento di Giustizia a stelle e strisce vuole che il Canada estradi un alto dirigente accusato di violazione delle sanzioni. I diplomatici dello Zio Sam hanno esortato i loro Paesi alleati a smettere di usare le tecnologie marcate Huawei. L’America mira a paralizzare questo business che considera una minaccia per sè.

Come riportato questa settimana da Shenzhen, dove ha sede Huawei, il piano americano non ha funzionato (se si guarda alla sezione Affari). È vero però che Huawei sta soffrendo. Le banche occidentali sono diffidenti. I fornitori della Silicon Valley e i proprietari dei set di dati li evitano.

E il 19 settembre Huawei, che oltre a costruire reti è il secondo produttore di smartphone al mondo, affronta l’umiliante lancio di un nuovo smartphone privo delle App americane popolari come Google Maps e WhatsApp.

Eppure l’azienda cinese non è in ginocchio. Non sono stati annullati molti contratti per il 5G cinese. Va bene in casa e in Paesi che non sono vicini agli alleati americani. La crescita dei suoi ricavi si sta stabilizzando, dopo il calo dopo maggio, e prevede di rimanere redditizia.

Huawei ha $36 miliardi di dollari in cassa, inoltre, afferma che ha fonti alternative per la fornitura dei componenti e potrebbe presto lanciare un degno concorrente per Android, il sistema operativo per smartphone di Google. Invece della morte di Huawei, con un’industria cinese sempre più autosufficiente attiva ovunque tranne che in America, il mondo dell’hi-tec deve affrontare le sue tante divisioni.

L’aggiornamento al 5G dell’America e i suoi alleati potrebbe arrivare in ritardo perché le aziende cinesi offrono tecnologia all’avanguardia ad un costo minore. Inoltre, la sostituzione di dispositivi Huawei esistenti sarebbe costosa. La concorrenza ne risentirebbe, specie se Huawei sviluppasse dei rivali di Android, indebolirebbe le aziende tecnologiche occidentali. È giusto quindi diffidare di Huawei.

Nessuna impresa cinese può semplicemente sfidare i sovrani autocratici della Repubblica Popolare Cinese, specialmente in materia di sicurezza nazionale. La domanda è se esiste un meccanismo per mitigare i rischi e creare fiducia laddove ce ne sia poca. Gran Bretagna e Germania hanno istituito organismi di monitoraggio per esaminare i prodotti Huawei, ma ciò non ha affatto impressionato i funzionari americani.

La proposta di Huawei

Ora Ren Zhengfei, il capo di Huawei, ha proposto un’alternativa: clonare il suo “stack” (mucchio) di tecnologia 5g (brevetti, codici, progetti e know-how di produzione) e venderlo a una società occidentale così sarebbe libera di usarlo fuori dalla Cina e sviluppare la tecnologia come meglio crede. Gli acquirenti potrebbero includere Samsung o Ericsson.

I portafogli della proprietà intellettuale delle telecomunicazioni sono già stati venduti. Microsoft ha acquistato parti di Nokia nel 2014. In questo caso, l’acquirente non dovrebbe affrontare alcuna concorrenza da parte di Huawei in America, dove la società cinese non opera (anche se lì avrebbe bisogno di gestire frequenze di spettro diverse).

In altri Paesi, avremmo avuto un concorrenza testa a testa, nonostante questi nuovi competitors avrebbero impiegato anni per accelerare la produzione. La vendita della tecnologia Huawei non garantirebbe però la sicurezza da spie o sabotatori cinesi. Questi “spettri”, cioè le possibilità che vengano hackerate le reti gestite da aziende occidentali, rimarrebbero perfettamente in piedi.

Ma l’Occidente otterrebbe un accesso sicuro alle tecnologie 5G all’avanguardia, evitando ritardi d’installazione. La concorrenza sarebbe rafforzata da un nuovo contendente occidentale o da uno più forte esistente. Il mondo potrebbe purtroppo avere ancora due ecosistemi tecnologici, ma il piano potrebbe comunque aiutare a disinnescare una guerra fredda tecnologica.

Le due superpotenze sono su una strada pericolosa. Se sceglieranno l’escalation, l’America ha una sola scelta: cercare di mettere fuori mercato Huawei e fuori dalla Cina innescando un conflitto con i guantoni da boxe. In circostanze normali, il suggerimento di Ren sarebbe stravagante. In tempi come questi merita di essere ascoltato.


[Traduzione e sintesi di Roberto Del Latte. Articolo di Redazione da The Economist dalla numero della rivista September 14th 2019]

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cronache dei Figli Cambiati

Desecretati i documenti del patto sovietico-nazista Molotov-Ribbentrop

Desecretati i documenti del patto sovietico-nazista Molotov-Ribbentrop

La Russia ha desecretato i documenti della Seconda Guerra Mondiale relativi al patto sovietico-nazista Molotov-Ribbentrop

Il ministero della Difesa russo ha declassificato una serie di documenti relativi al patto di non aggressione nazista sovietico firmato 80 anni fa che gli storici dicono che abbia spianato la strada all’inizio della seconda guerra mondiale.

La Germania nazista e l’Unione Sovietica firmarono il patto Molotov-Ribbentrop il 23 agosto 1939. Un protocollo segreto che accompagnava un Protocollo segreto per la spartizione dei territori di Polonia, Romania, Paesi baltici e Finlandia in “sfere d’influenza tedesche e sovietiche”, lasciando la strada aperta per l’invasione tedesca della Polonia.

Рakt1939.mil.ru Uno dei documenti desecretati dal Governo Russo.

Il ministero della Difesa ha dichiarato di aver rilasciato i documenti “non in ordine cronologico, ma in una sequenza che consentirà agli spettatori di ottenere un quadro più completo” di ciò che ha portato a questo patto. 

Ha messo in evidenza l’invio di 31 pagine da parte dell’allora Capo di Stato Maggiore dell’Armata Rossa, Boris Shaposhnikov, di un documento chiave che “ribalta completamente le nozioni tradizionali” sul perché è stato firmato il patto Molotov-Ribbentrop.

“L’Unione Sovietica deve essere pronta a combattere su due fronti: in Occidente contro Germania e Polonia e in parte contro l’Italia con la possibilità di annesione degli Stati di confine, e in Oriente contro il Giappone”, si legge nel dispaccio del 1938.

Shaposhnikov avvertì che la Germania e la Polonia avrebbero potuto schierare dozzine di divisioni di fanteria, migliaia di carri armati e aerei da guerra in una regione dell’Europa orientale al confine bielorusso-ucraino.

Il presidente Vladimir Putin ha difeso il Patto Molotov-Ribbentrop successivamente all’annessione della Crimea da parte della Russia nel 2014, definendola la risposta di Mosca all’isolamento e al fatto che i suoi sforzi di pace sono stati snobbati dalle nazioni occidentali.

Gli storici erano divisi sull’impatto che avrebbero potuto avere le lettere di Shaposhnikov del 1938. Alexander Dyukov dell’Accademia Russa delle Scienze l’ha accolto come un contributo chiave allo studio della storia militare, mentre il ricercatore Sergei Kudryashov dell’Istituto Storico Tedesco di Mosca invece l’ha considerato irrilevante.

“È interessante solo se si considera il modo in cui la leadership [sovietica] ha compreso le condizioni della vigilia della guerra”, ha detto Kudryashov alla RBC.

Il ministero della Difesa ha affermato che questa sua pubblicazione è “volta a proteggere la verità storica, a contrastare la falsificazione storica e tenta di rivalutare i risultati della Grande Guerra Patriottica”.


[Traduzione e sintesi di Roberto Del Latte. Articolo di Redazione di The Moscow Times.com link qui]

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cronache dei Figli Cambiati

Pin It on Pinterest