Seleziona una pagina
Come i populisti italiani stanno surriscaldando il clima elettorale

Come i populisti italiani stanno surriscaldando il clima elettorale

ROMA – L’estremista di destra, ex-candidato alle elezioni comunali, che ha ferito sei immigrati africani in una sparatoria a sfondo razziale a Macerata, trovato in possesso di una copia del Mein Kampf e di croci celtiche. Le fotografie svelano inoltre un tatuaggio neonazista sul viso; al momento del suo arresto invece aveva una bandiera italiana drappeggiata sulle spalle mentre eseguiva un saluto fascista.

L’uomo armato, Luca Traini, era candidato alle elezioni dello scorso anno non con un partito post-fascista e nazionalista, ma come rappresentante della ex lega secessionista del Nord sempre durante la leadership di Matteo Salvini, che il sicario ha descritto come il suo “capitano”. Il partito da poco rinominato ha perso la parola “Nord” per attirare il resto degli elettori italiani che condividono la rabbia anti-immigrati dell’attuale segretario.

In vista delle elezioni italiane del 4 marzo, ce n’è in abbondanza. Forse nessun problema ha colpito più gli elettori quanto l’immigrazione, e forse nessun politico italiano ha espresso preoccupazioni sull’immigrazione tanto quanto Salvini.

Nel precario clima politico europeo, Salvini si pone come una nuova minaccia all’establishment politico che negli ultimi mesi ha goduto di una tregua dopo che le forze populiste sono state in gran parte respinte nelle elezioni francesi e tedesche.

Non è solo il preferito della francese Marine Le Pen, del presidente russo Vladimir Putin e politici nazionalisti in tutta Europa. Alcuni temono addirittura che Salvini, attualmente in coalizione di centro-destra con Silvio Berlusconi, alla fine potrebbe unire le forze con il movimento populista Cinque Stelle, che riecheggia fortemente il messaggio anti-immigrazione e anti-Unione Europea. Insieme sarebbero un incubo anti-establishment.

“Il progetto di Salvini è un progetto nazionale. Le sue idee politiche, la sua idea di proteggere il territorio, sono viste allo stesso modo nel nord e nel sud”, ha detto Francesco Zicchieri, leader di NOI con Salvini, il ramo meridionale e centrale italiano della Lega Nord.

Fino a pochi anni fa, la Lega Nord era un partito separatista costruito sull’antagonismo nei confronti di Roma (la grande ladrona) e del sud terrone. Il sogno era la sovranità per la Padania, una mistica terra del nord Italia intrisa della santità del fiume Po.

Salvini, 44 anni, ha assunto la direzione del partito nel 2013 dal suo fondatore, Umberto Bossi, che era stato indebolito da un ictus e da scandali di corruzione. Da allora Salvini è stato un candidato instancabile per il primo ministro e una figura mediatica onnipresente, mentre separava il partito dalle sue radici secessioniste.

Ha usato il crescente malcontento economico del paese, e in particolare la sua diffidenza verso gli immigrati, come mezzo per raggiungere gli elettori nell’ex territorio nemico.

La macchina del sospettato, Luca Traini, 28 anni, che ha aperto il fuoco sui migranti africani a Macerata durante il fine settimana. Una volta era candidato come candidato alla festa di Salvini. Credits carabinieri italiani, da Reuters

Anche se il governo di centro-sinistra italiano – come altri paesi europei precedentemente più accoglienti – ha represso l’immigrazione clandestina, il messaggio di Salvini continua a risuonare in un paese in prima linea in una grande migrazione che ha rimodellato la politica europea.

Più di 600.000 migranti, molti dall’Africa, sono sbarcati sulle coste italiane negli ultimi quattro anni, provocando un contraccolpo che ha alimentato il centro destra.

L’estate scorsa, un candidato del partito di Salvini ha scioccato l’Italia vincendo a Cascina, una roccaforte liberale in Toscana, liberata dai soldati americani nella seconda guerra mondiale. Nel sobborgo romano di Ostia, i sostenitori del partito post-fascista CasaPound hanno dichiarato che voteranno per Salvini alle elezioni nazionali.

“Salvini è un brav’uomo”, dice Sonia Valentini, 53 anni. “Mi piace perché mette gli italiani al primo posto. E immagino che anche lui sia un fascista. Cosa sai fare?”

Il sentimento anti-immigrati alimentato da Salvini ha costretto il governo a rinunciare allo IUS SOLI, una proposta di legge per concedere la cittadinanza ai figli di immigrati nati e cresciuti in Italia.

A settembre, Salvini – che ha espresso dubbi sulle vaccinazioni – ha accusato la morte di un bambino dalla malaria di migranti che “riportano in Europa” malattie un tempo sradicate.

Nelle scorse settimane un candidato della Lega nella regione settentrionale della Lombardia ha detto alla stazione radio di Padania che l’Italia deve porre fine agli arrivi di migranti perché hanno messo in pericolo la “razza bianca”.

Questo sentimento si sta diffondendo.

Dopo la sparatoria di Macerata, l’alleato politico di Salvini, Berlusconi, ha promesso di mandare a casa 600.000 immigrati senza documenti, definendoli “una bomba sociale pronta ad esplodere”. In un’intervista televisiva italiana ha aggiunto: “Tutti questi migranti vivono di inganno e crimine “.

Proprio lui che sarebbe dovuto essere l’influenza moderatrice della coalizione.

In un centro di assistenza legale per migranti a Milano, Pierangelo Lopopolo ha detto che la paura ha reso le vite delle persone più difficili.

“Salvini sta approfittando del malcontento nel sud e l’immigrato è il nemico ideale” – continua poi – “Non hai un lavoro? Colpa degli immigrati. Paghi troppe tasse? I servizi vanno agli immigrati. C’è troppa criminalità? Sono sempre gli immigrati. Questa è la routine.”

Persino alcuni dei vecchi partner di Salvini nella Lega Nord pensano che sia andato troppo lontano.

“Con Salvini, l’immigrazione è tutta una questione di paura. Se togli l’immigrazione di cosa parla? Ha mai offerto una soluzione oltre a buttarli tutti fuori?”, dice Roberto Bernardelli, un socievole proprietario di un albergo e membro della vecchia guardia della Lega Nord a Milano che ha recentemente fondato un partito scissionista, Grande Nord.

Edifici occupati da migranti nell’ex villaggio olimpico di Torino. L’Italia ha faticato ad accogliere gli oltre 600.000 migranti che sono arrivati ​​nel paese negli ultimi quattro anni. Credit Siegfried Modola / Reuters

Bernardelli, che è attualmente accusato di aver finanziato l’armamento di un carro armato militare per separatisti, ha aggiunto: “Bossi ci ha regalato il sogno dell’indipendenza nel nord. Quando Salvini trasforma la Lega Nord in una lega nazionalista, sta distruggendo il nostro sogno”.

Salvini è un politico profondamente ambizioso e ha il suo sogno. I critici dicono che è principalmente egoista, indipendentemente da chi si farà male. Attualmente ha circa il 12% dei voti, ma è diventato uno sfidante per Berlusconi e un partner potenzialmente ribelle nella loro alleanza di centro-destra.

Salvini, molto scettico sull’Unione Europea nonostante sia un deputato pagato al Parlamento europeo, era solito riservare la sua ostilità ai meridionali. Nel 2009, al festival annuale della Lega a Pontida, ha cantato: “Senti che puzza, scappano anche i cani, stanno arrivano i napoletani”.

Una volta viaggiando verso Roma rinominò il suo treno “Nerone Express”, in riferimento all’imperatore incolpato di aver bruciato la città.

Quest’estate invece ha condotto una campagna elettorale in tutta la Sicilia su un treno regionale lento e recentemente ha diretto una manifestazione a Roma per mostrare la sua portata nazionale del suo partito.

Nella stessa manifestazione alcuni sostenitori hanno sventolato la bandiera padana con le sei foglie verdi. Clara Agnoletti ha addirittura sfilato con il simbolo della Lega Nord fatto a mano con 4.000 cristalli verdi per manifestare la sua esasperazione nell’aver eliminato la parola Nord dal nome del partito.

Salvini, alzando le spalle ha risposto: “Metterò un po di carta bianca sulla parola nord”.

Dietro di lei, un gruppo di nazionalisti bianchi che si definivano “Giovani Identitari”, manifestavano contro lo Ius Soli. I sudisti della regione Puglia invece tenevano uno striscione pro-Salvini.

“Liberarci del nord sul cartello ha permesso a molti di avvicinarsi alla Lega”, ha detto Silvano Contini, coordinatore del gruppo meridionale. “La causa degli immigrati ci rende tutti uniti.”

Salvini, che indossava un maglione color cipria in armonia con la sua panatica estetica da uomo, ha fatto le sue solite osservazioni contro l’euro e l’islam radicale e in difesa dei pensionati e dei disoccupati.

Ma i suoi più grandi applausi riguardavano gli immigrati. “Sono stufo di vedere gli immigrati negli alberghi e negli italiani che dormono in auto”, ha detto Salvini allegramente. “Questo paese è razzista”.


[Traduzione e sintesi di Roberto Del Latte. Articolo originale di   per New York Times qui ]

I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di Cronache dei Figli Cambiati

Un giorno a Istanbul

Un giorno a Istanbul

I luoghi,le persone,la lingua. I sapori,gli usi e i costumi. I colori, il Sultano e il suo mondo, le meraviglie del Bosforo. E’ indescrivibile quanto la città sia avvolta dalle mille tonalità. Dall’azzurro al rosso porpora. Ecco Istanbul. Un luogo con una storia molto lunga e per questo motivo è una città piena di cultura. Il segno di questa si vede per le strade,sugli edifici, ma soprattutto nelle moschee. Affascinanti e davvero numerose. Ognuna ha i suoi minareti da cui, cinque volte al giorno, c’è il richiamo alla preghiera: il Muezzin ovvero la persona che, con un canto,richiama i fedeli in ogni dove. All’interno delle moschee è vietato indossare le scarpe, a causa del fatto che i pavimenti sono ricoperti di tappeti e durante la preghiera è vietato scattare foto. Le donne,inoltre,devono coprirsi il capo nascondendo per bene i capelli con sciarpe o foulard.

Nelle moschee più grandi, l’ingresso è separato per i turisti in modo da non disturbare la preghiera dei fedeli. La Moschea Blu costituisce quello che è il luogo per eccellenza della città,luogo di raduno per le carovane di pellegrini in partenza per la Mecca. Qui, le persone  hanno la gentilezza tipica della gente di queste parti dietro la carnagione olivastra, lunghi baffi e uno sguardo intenso che parla già da solo. Ma chi attira davvero la curiosità sono quegli uomini che in qualche locale sono intenti a conversare, vestiti decisamente demodè e ogni tanto inalano dal narghilè, avvolti da fumi di tabacco aromatizzato ai frutti. Sembra un quadro questa scena. Naturale, serena e coinvolgente. Guardi e ti convinci di appartenere a questo contesto, tra sorrisi e tratti somatici, profumi di dolci al miele o di spezie.

Spostandomi verso il centro con Mustafà, il mio personale tassista a completa disposizione per tutto il tour, arrivo alla bellissima Basilica di Santa Sofia e all’immenso Palazzo del Topkapi, prima residenza imperiale del regno del Sultano Maometto II.  All’interno dell’Harem del Palazzo si respira ancora quella sensazione di intrigo e mistero. Dalla Stanza dei Tesori, la cui terrazza si affaccia sul Bosforo, è possibile godere del panorama dal lato Asiatico della città.

Resta qualcosa tuttavia che non dimenticherò mai, la sua vera bellezza: il sontuoso Bazar di Istanbul. Un enorme mercato coperto, quasi una piccola città, dove si mescolano culture e lingue. Questo dedalo presenta numerosi accessi collegati da una fitta rete di strade. Ci troviamo all’improvviso in un altro mondo governato da caos più totale: forti odori, cianfrusaglie,gioielli, tappeti, lampade magiche…forse anche il mago dai tre desideri! Un armonioso andirivieni di gente, sotto le volte ornate di disegni geometrici e floreali.

Questa è Istanbul: l’odore di spezie misto fumo, il venditore ambulante che urla per attirare l’attenzione dei passanti mentre spinge il suo carretto su cui vende di tutto: castagne, pannocchie di granoturco e simit (ciambella di pane ricoperta di semi di sesamo). Ma è anche il passaggio di una ragazza turca con la maglia altezza ombelico, viso truccato e pantaloni a vita bassa, che cammina accanto a una donna interamente coperta dall’abito lungo che segue,a distanza, il marito barbuto con il berretto aderente al capo e un Tasbeeh nella mano. Un miscuglio sociale che si fonde quasi in maniera naturale, che ti entra nel cuore e da cui non andrai mai via neanche quando sarai a migliaia di chilometri di distanza. Una città contesa armoniosamente tra Europa e Medioriente. Come essere in due posti contemporaneamente. Due mondi completamenti diversi ma in perfetto accordo tra loro.

Martina Picciallo

Pin It on Pinterest